Sacconi, in Italia approda la settimana corta

sacconi-3.jpgDopo Londra anche l’Italia pensa alla settimana corta. Il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, rilancia l’idea e la filosofia del “lavorare di meno per far lavorare tutti”.
“Fino a ora abbiamo fatto due accordi, con le Regioni e con le parti sociali – ha spiegato nel corso di un’intervista a RTL 102.5 il ministro – allo scopo di proteggere il reddito delle persone. È venuta fuori una manovra straordinaria, ben 8 miliardi da impiegare nel biennio 2009/2010: adesso partirà una gestione decentrata nel territorio in modo che non si deresponsabilizzino le imprese ma si valuti per caso l’eventuale necessità di collocare le persone fuori dal lavoro, ma dobbiamo mantenere il collegamento, il legame con il mondo produttivo”.
Per fronteggiare la crisi, quindi, la settimana corta, la cassa integrazione a rotazione, oppure i contratti di solidarietà sembrerebbero la strada più percorribile. “In tutti i Paesi – spiega ancora Sacconi – ci sono fasce più vulnerabili. Io penso in primo luogo a quei 40/50enni, con famiglia a carico, magari con anziani autosufficienti, con mutuo da pagare, insomma monoreddito, ai quali dobbiamo provvedere integrando reddito e competenze. E poi, via via gli altri, a partire da più giovani: dobbiamo soprattutto indicare loro percorsi lavorativi più utili di quelli scelti nel passato spesso e volentieri, ed esperienze lavorative quanto più precoci”.
Per il ministro “è doveroso, come ha fatto il governatore della Banca d’Italia, Mario Draghi, esprimere preoccupazione per un crisi che sta passando dai mercati finanziari alle persone: dobbiamo prima di tutto pensare di garantire il minimo vitale e se possibile un’attività formativa che rafforzi le competenze dei lavoratori in modo che il tempo di non lavoro sia comunque utile”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Subito in pensione i baroni over 70

Next Article

La Gelmini replica a Napolitano

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.