Roma Tre e la sicurezza negli impianti sportivi

Ultimo appuntamento del ciclo itinerante “In Facoltà, per sport”, presso Roma Tre.

L’ultimo appuntamento del ciclo itinerante “In Facoltà, per sport”, organizzato dall’Ufficio Iniziative Sportive dell’Università degli Studi Roma Tre, prumuovela sicurezza negli impianti sportivi.

365 giorni esatti dopo la prima conferenza-dibattito, chiude con un bilancio altamente positivo di pubblico universitario e di consenso mediatico un anno di incontri sugli aspetti più scottanti e per certi versi meno esplorati dello sport.

Il tema dell’ultimo convegno è uno dei più delicati in assoluto: mercoledì 19 ottobre 2011 alle ore 15 presso l’Aula Ersoch della Facoltà di Architettura, via Aldo Manuzio 72, “La sicurezza negli impianti sportivi”.

A trattare un argomento di tale drammatica attualità, un parterre di particolare competenza: architettonica, politico-sociale, umana.

Partecipano:

Francesco Bianchi (docente fac. di Architettura): “Il concetto architettonico di sicurezza applicato allo sport””

Luca Manes ( Responsabile della comunicazione della Ong CRBM ed esperto di calcio inglese): “Il modello inglese per la sicurezza negli stadi dopo le stragi negli anni ’80”

Delia Santalucia (Presidentessa Associazione “Alessandro Bini”): “Impianti sportivi: fatalità o negligenza?”

Mario Brozzi (medico e consigliere Regione Lazio, vicepresidente Commissione Sport, Cultura e Spettacolo): “Sport e sicurezza degli impianti: binomio imprescindibile per la formazione etico-sportiva e il rispetto della vita”.

Moderatore: Diego Mariottini (Ufficio Iniziative Sportive).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

OrientaSud, conferenza stampa

Next Article

de Magistris: il Governo non ha fatto nulla per Napoli

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.