'Riesco', un video dei The Pills lancia la campagna della Regione per i giovani Neet

Seicento euro al mese per un anno destinati a giovani tra i 18 e i 29 anni senza lavoro, non iscritti a percorsi scolastici o formativi né all’Università. In una parola, ai cosiddetti Neet, coloro che hanno praticamente smesso anche di cercare eventuali opportunità lavorative o formative. È quanto la Regione Lazio offrirà a circa cinquemila ragazzi (residenti da almeno sei mesi nel Lazio e con un ISEE non superiore a 15mila euro) attraverso “Riesco”, il reddito di inclusione formativa finanziato con 36 milioni di euro provenienti dal Fse, Fondo sociale europeo. La misura, volta a rafforzare le opportunità di inserimento occupazionale dei giovani, è stata presentata quest’oggi dal presidente e dal vicepresidente della Regione, Nicola Zingaretti e Massimiliano Smeriglio. La campagna web è stata affidata al famoso trio romano dei The Pills che hanno prodotto due video pubblicati sulla piattaforma Youtube. 
 
 
 
I soldi, un massimo di 7.200 euro annui, saranno caricati su una tessera elettronica “Carta Riesco” e utilizzabili per acquistare diversi servizi: da percorsi di orientamento alla formazione e al lavoro a iniziative formative (corsi e laboratori), ma anche attività e beni culturali che stimolino la creatività e l’apprendimento, come libri, ingressi a teatro e mostre. Una parte dei soldi, infine, sarà una sorta di indennità di partecipazione legata all’acquisto dei beni e servizi precedentemente elencati.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Numero chiuso, riaperte le graduatorie degli anni 2015/2016. Grasso: "Va superato"

Next Article

Scuolabus con 50 bimbi a bordo fuori strada, 23 feriti

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.