Rielezione di Pasquino a Salerno

 rettore-pasquino.jpgNonostante il risultato apparisse agli occhi di molti addetti ai lavori chiaramente scontato, il prof. Raimondo Pasquino triplica il suo mandato a Rettore dell’Università degli studi di Salerno restando in carica per il terzo quadriennio consecutivo ( 2009-2013 ).
La candidatura dell’ormai affermato rettore era stata preannunciata da tempo, accostata da quelle dei prof.ri Pasquale Persico e Federico Sanguineti.
L’altissima affluenza alle urne ( circa l’89,56 % hanno esercitato il diritto al voto ) permette a Pasquino di raggiungere una percentuale di preferenze piuttosto alta e di porre un certo margine tra se e i suoi concorrenti. Il programma presentato da Pasquino prevede punti d’importante innovazione sull’ internazionalizzazione dell’ateneo e sulla crescita della facoltà di medicina oltre ai sempre più intensi rapporti con il territorio.
Il dato elettorale, comunicato dal presidente del seggio prof.ssa Caterina Miraglia, è stato seguito da un lunghissimo applauso dell’aula “Nicola Cilento” che notifica il rapporto di stima tra Pasquino e gli addetti ai lavori.

Oltre agli onori, però, Pasquino dovrà farsi carico dei tanti oneri che lo vedono per la terza volta Rettore. Oneri strettamente legati a un’Università in continua crescita, che si affaccia all’Europa sempre più organizzata e specializzata in tutti e campi e che necessita, quindi, di un controllo e di una gestione sempre più accurata e attenta.
A Pasquino vanno, dunque, gli auguri più sinceri di buon lavoro sperando di veder rinnovata l’affidabilità e la competenza che hanno contraddistinto i suoi precedenti mandati.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nuove leve per Ernst&Young 370 posti

Next Article

Maturità 2009 "Immaginate i prof in mutande"

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.