Ricordando Giancarlo Siani

Il “Premio Giancarlo Siani” istituito in memoria del giornalista ucciso dalla camorra giunge quest’anno alla settimana edizione

Il comitato Giancarlo Siani, promosso dall’Ordine dei giornalisti della Campania, dall’Associazione napoletana della stampa, l’Istituto universitario Suor Orsola Benincasa, dal Centro studi Siani e dal quotidiano il Mattino, ha indetto la settima edizione del “Premio Giancarlo Siani”.
Il premio, istituito per ricordare la figura del giornalista ucciso dalla camorra nel 1985 perché rivelatore di verità scomode, è riproposto annualmente. Suddiviso in tre sezioni, è aperto agli autori di studi, ricerche e tesi di laurea che abbiano come oggetto il giornalismo e l’analisi dei fenomeni criminali con particolare attenzione al Mezzogiorno. L’Università Suor Orsola Benincasa bandisce, inoltre, una borsa di studio che andrà a chi si qualificherà primo tra gli allievi della scuola di giornalismo nella graduatoria di fine anno accademico. La giuria, composta dai principali membri promotori del comitato, affida la presidenza del premio 2010 a Marco Risi, regista del film Fortapàsc incentrato sulla breve esistenza di Siani.
Quest’anno inoltre anche il Comicon, l’annuale fiera sul fumetto e l’animazione che si svolge a Napoli, ha deciso di dare un tributo al giornalista. Il 21 aprile, infatti, si inaugura alla Fnac l’anteprima nazionale delle tavole originali ispirate alla vita di Siani raccontata attraverso gli occhi del fratello Paolo. Quest’ultimo ha spesso raccontato che uno dei ricordi più belli che conserva è un flashback di loro insieme ad una manifestazione, dove Giancarlo gli sorride con il simbolo della libertà disegnato in viso. Da qui quindi il nome della mostra “È lui che mi sorride. Mio fratello Giancarlo Siani”, articolata in 25 tavole in bianco e nero che potrà essere ammirata fino al 4 Maggio in attesa della pubblicazione a cura della casa editrice Round Robin.

Total
0
Shares
1 comment
  1. Pingback: » Black and White
Lascia un commento
Previous Article

Next step: Brazil!

Next Article

Genova, un esempio di Università

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).