Regole, in Italia chi sbaglia non paga

lorenzobinismaghi.jpgPer risollevare le sorti del nostro Belpaese occorrerebbe prevedere un sistema di regole che, oltre a premiare i comportamenti virtuosi, preveda anche “disincentivi per chi sbaglia”. Lo ha affermato Lorenzo Bini Smaghi, membro del Consiglio Direttivo della Bce, nel corso di un convegno promosso dall’Associazione ex alunni del liceo Massimo presso l’Università Gregoriana di Roma. La crisi economica impone di pensare a nuove misure per tutelare il mercato ma soprattutto la società.
«Ho letto un interessante articolo su “Il Sole 24 Ore” – dichiara Bini Smaghi – nel quale si osservava che Madoff (il finanziere Usa autore di una truffa da 50 miliardi) in Italia non sarebbe finito in carcere. Il nostro sistema di regole non crea il disincentivo a sbagliare e quando il costo è limitato, l’incentivo perverso premia». Questo, dunque, a suo avviso il correttivo che bisognerà mettere in piedi per evitare che si riproducano gli errori che hanno portato all’attuale crisi finanziaria.
«Bisogna creare incentivi ai giusti comportamenti per chi non ha gli stessi valori etici. La crisi partita dagli Stati Uniti non è derivata da un’assenza di regole ma dalla scarsa responsabilità di chi doveva valutare i rischi».
Per questo aggiunge Bini Smaghi «bisogna trovare degli incentivi che penalizzino ex post chi sbaglia», un equilibrio quindi delle regole perchè «non è possibile regolamentare tutto». Nel campo economico, per chi non rispetta le regole, dovrebbe poi esserci tolleranza zero: «In economia il perdono non dovrebbe esistere».

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'Aquila, ospedale da salvaguardare

Next Article

Staff da Decathlonin Toscana

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).