Reddito: “Renzi ci condanna all’emarginazione sociale”

Dal palco di Repubblica delle Idee e durante la Direzione del PD, Matteo Renzi ha attaccato duramente la richiesta di introdurre un reddito minimo o di cittadinanza, bollando la misura come assistenzialista e incostituzionale. Gli studenti della Rete della Conoscenza al Corriere dell’Università: “Renzi condanna migliaia di precari, disoccupati, indigenti all’emarginazione sociale”

 

“Il Presidente del Consiglio è uscito allo scoperto con una netta chiusura proprio nella giornata nazionale di raccolta firme per un Reddito di Dignità che abbiamo sostenuto insieme a Libera e a tante altre associazioni.” – dichiara Riccardo Laterza, Portavoce Nazionale della Rete della Conoscenza – “Dopo l’inganno del Jobs Act, che ha smantellato i diritti del lavoro senza mantenere la promessa di universalizzare gli ammortizzatori sociali, adesso Renzi si schiera contro il reddito condannando centinaia di migliaia di giovani precari, disoccupati e indigenti all’emarginazione sociale”.

 “Nonostante uno strumento del genere sia presente già in 24 Paesi europei e la stessa Unione Europea ne raccomandi l’adozione, Renzi ha avuto la faccia tosta di basare il suo affondo su due menzogne vere e proprie” – dichiara Alberto Campailla, Portavoce nazionale di Link – Coordinamento Universitario – “Non stiamo chiedendo un intervento assistenzialista, vogliamo al contrario che si superi l’attuale concezione familsita e residuale del welfare che lo stesso Governo promuove, nell’ottica di introdurre una misura universale di sostegno al reddito contro i ricatti della precarietà e per redistribuire la ricchezza in una società sempre più diseguale”.
“L’accusa di incostituzionalità mossa dal Premier è infondata e risulta inaccettabile di fronte all’inadempienza verso diritti fondamentali, a partire da quello allo studio” – dichiara Danilo Lampis, Coordinatore nazionale dell’Unione degli Studenti – “Nel nostro Paese la dispersione scolastica è fuori controllo e colpisce con maggiore intensità le Regioni del Sud, le famiglie meno abbienti o che vivono in contesti disagiati:pretendiamo l’introduzione di un reddito di formazione per consentire a tutti i ragazzi di completare la propria formazione e di poter accedere ai più alti gradi di istruzione, sottraendosi alla canalizzazione precoce in un mercato del lavoro dequalificato e sottoretribuito”.
“Con le sue ultime dichiarazioni Renzi riprende una retorica inaccettabile contro i fannulloni o i furbi e che promuove chi si rimbocca le maniche, magari lavorando gratuitamente o a pochi euro all’ora, senza diritti né tutele sociali” – concludono gli studenti nella nota – “Rigettiamo questo panorama di vero e proprio sfruttamneto,proseguiremo senza soste la mobilitazione per l’introduzione del redditoassieme alle tante realtà diverse che hanno posto con forza questo tema

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cepheus, il software che a poker non perde mai

Next Article

Riforma della scuola bloccata in Senato. Brunetta: "Sarà un Vietnam". Zanda: "Solo problema tecnico"

Related Posts
Leggi di più

Intervista al nuovo rettore di Bergamo Sergio Cavalieri: “Open campus per far riscoprire agli studenti l’Università”

Sul Pnrr: "Uscire da logiche campanilistiche. Si ai consorzi con altre università e imprese ma superare le conflittualità con progetti condivisi". E sugli obiettivi dei dipartimenti: "Le strategie d'ateneo vanno discusse all'interno dell'università e in contrattazione con il ministero e poi si definiscono gli obiettivi da intraprendere"