Reddito: “Renzi ci condanna all’emarginazione sociale”

Dal palco di Repubblica delle Idee e durante la Direzione del PD, Matteo Renzi ha attaccato duramente la richiesta di introdurre un reddito minimo o di cittadinanza, bollando la misura come assistenzialista e incostituzionale. Gli studenti della Rete della Conoscenza al Corriere dell’Università: “Renzi condanna migliaia di precari, disoccupati, indigenti all’emarginazione sociale”

 

“Il Presidente del Consiglio è uscito allo scoperto con una netta chiusura proprio nella giornata nazionale di raccolta firme per un Reddito di Dignità che abbiamo sostenuto insieme a Libera e a tante altre associazioni.” – dichiara Riccardo Laterza, Portavoce Nazionale della Rete della Conoscenza – “Dopo l’inganno del Jobs Act, che ha smantellato i diritti del lavoro senza mantenere la promessa di universalizzare gli ammortizzatori sociali, adesso Renzi si schiera contro il reddito condannando centinaia di migliaia di giovani precari, disoccupati e indigenti all’emarginazione sociale”.

 “Nonostante uno strumento del genere sia presente già in 24 Paesi europei e la stessa Unione Europea ne raccomandi l’adozione, Renzi ha avuto la faccia tosta di basare il suo affondo su due menzogne vere e proprie” – dichiara Alberto Campailla, Portavoce nazionale di Link – Coordinamento Universitario – “Non stiamo chiedendo un intervento assistenzialista, vogliamo al contrario che si superi l’attuale concezione familsita e residuale del welfare che lo stesso Governo promuove, nell’ottica di introdurre una misura universale di sostegno al reddito contro i ricatti della precarietà e per redistribuire la ricchezza in una società sempre più diseguale”.
“L’accusa di incostituzionalità mossa dal Premier è infondata e risulta inaccettabile di fronte all’inadempienza verso diritti fondamentali, a partire da quello allo studio” – dichiara Danilo Lampis, Coordinatore nazionale dell’Unione degli Studenti – “Nel nostro Paese la dispersione scolastica è fuori controllo e colpisce con maggiore intensità le Regioni del Sud, le famiglie meno abbienti o che vivono in contesti disagiati:pretendiamo l’introduzione di un reddito di formazione per consentire a tutti i ragazzi di completare la propria formazione e di poter accedere ai più alti gradi di istruzione, sottraendosi alla canalizzazione precoce in un mercato del lavoro dequalificato e sottoretribuito”.
“Con le sue ultime dichiarazioni Renzi riprende una retorica inaccettabile contro i fannulloni o i furbi e che promuove chi si rimbocca le maniche, magari lavorando gratuitamente o a pochi euro all’ora, senza diritti né tutele sociali” – concludono gli studenti nella nota – “Rigettiamo questo panorama di vero e proprio sfruttamneto,proseguiremo senza soste la mobilitazione per l’introduzione del redditoassieme alle tante realtà diverse che hanno posto con forza questo tema

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cepheus, il software che a poker non perde mai

Next Article

Riforma della scuola bloccata in Senato. Brunetta: "Sarà un Vietnam". Zanda: "Solo problema tecnico"

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.