ReACT4JOBS: l’Europa chiama i giovani. Serata di confronto al teatro Argentina

ReACT4JOB

ReAct4jobs. È il nome della campagna del Parlamento europeo che si mobilita in vista delle elezioni del prossimo maggio. A teatro Argentina dunque Riccardo Luna, giornalista appassionato di storie, idee e persone, ha presentato una serata all’insegna del divertimento ma anche dell’informazione.

Undici storie, undici percorsi, undici successi in un Italia che sotto il profilo dell’occupazione e della meritocrazia, resta fanalino di coda in un’Europa che tenta a tutti i costi di rialzare la testa.

La serata è stata occasione per presentare opportunità fi lavoro, stage, tirocini all’estero grazia alla presenza del Formez, di Eures, agenzia Erasmus ed agenzia nazionale giovani. Ma nell’area espositiva dello storico teatro anche la Fondazione ItaliaOrienta vicina ai giovani italiani ai quali offre percorsi di orientamenti direttamente nelle scuole o  in grossi eventi fieristici.

La serata si è conclusa con la performance della compagnia teatrale “Il ratto D’Europa” protagonista del cartellone di eventi proposto dallo storico teatro romano sia per questo autunno che per le prossime stagioni.

GUARDA IL VIDEO 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Viene immessa in ruolo a 14 anni dalla vincita del concorso, ma ormai la ragazza è morta

Next Article

Il 38 % delle assunzioni under 30 vengono dalla green economy

Related Posts
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.
Leggi di più

Mai avvolgerla nella plastica o tenerla in tasca: ecco i consigli degli esperti per l’utilizzo della Ffp2: “Se non riceve umidità può durare fino a 40 ore”

Obbligatoria per viaggiare sui mezzi di trasporto e necessaria anche per seguire le lezioni in classe o andare al cinema: la mascherina Ffp2 è uno strumento con il quale stiamo familiarizzando sempre di più in queste settimane. Conservarla correttamente è indispensabile per poterla utilizzare per più di un giorno. "Mai indossarla sopra a una chirurgica".