Rapporto scuola: “Studenti stranieri raddoppiati in Italia”

studenti

La scuola dà i numeri: è stato reso noto questa mattina dal MIUR il rapporto sulla scuola per l’anno accademico 2013/14 “Sedi, alunni classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale”. Non poche le sorprese, soprattutto per quanto riguarda il numero di studenti stranieri nelle scuole italiane, che è quasi raddoppiato dal 2005 ad oggi.

Gli studenti italiani, comunque, preferiscono i licei. Sono circa il 47 % coloro che scelgono il percorso più professionalizzante, con una popolazione scolastica che arriva a superare 1.200.000 unità. E’ ancora lo scientifico a farla da padrone, con 574.ooo iscritti.

Resta in caduta libera il liceo classico, scelto da “soli” 171.498 ragazzi. Segue il linguistico, con 166.137 iscrizioni, scienze umane (124.729) e l’artistico 104.129. Rispetto all’anno scorso, comunque, c’è stato un aumento dell’1,4 % delle iscrizioni ai percorsi liceali.

Gli istituti professionali raccolgono quest’anno 546.018 studenti, circa il 21 % del totale degli alunni. Gli istituti tecnici, invece, si stabilizzano intorno al 32 %, con 453.916 iscritti.

Il ministro Carrozza ha poi sottolineato via Twitter i dati INVALSI che sono al vaglio dei responsabili di Viale Trastevere proprio in questi giorni. Sono ancora gli studenti stranieri ad essere protagonisti: “Impressionanti i dati nel confronto con gli italiani, sono praticamente alla pari in matematica”.

studenti stranieri in Italia

 

Gli studenti stranieri in Italia divisi per numero e regione

alunni stranieri in Italia

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

India, condanna a morte per i 4 accusati di aver stuprato e ucciso una studentessa

Next Article

ULTIM'ORA - Università di Parma: 23 settembre nuova data ufficiale test Professioni Sanitarie

Related Posts
Leggi di più

Film horror in una scuola media: studenti svenuti

È accaduto in una scuola di Cremona durante una supplenza. Proiettata la pellicola "Terrifier" vietata ai minori: gli alunni più sensibili hanno accusato malori e nausea. Lettera di protesta inviata al preside