Quirinale, Grillo: “Non voteremo Prodi”

Schermata 2013-04-19 a 12.07.28

“Ho parlato 5 minuti fa con Rodota’, era anche infastidito da questa ipotesi che potesse abdicare” alla corsa al Quirinale. “Nessuno del Movimento si e’ mai sognato di votare Prodi e ne’ lo fara’ in futuro, mai!”. Lo dice Beppe Grillo intervenendo da Manzano, in diretta streaming su La Cosa.Il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, ha proposto all’assemblea dei grandi elettori del Pd il nome di Romano Prodi per la presidenza della Repubblica. La proposta è stata approvata all’unanimità dall’assemblea dei grandi elettori del centrosinistra. «Prodi qualifica la nostra coalizione e parla al nostro paese», ha detto Pier Luigi Bersani, secondo quanto riferiscono alcuni partecipanti, proponendo la candidatura di Prodi. Il Movimento Cinque Stelle appoggerà ancora Stefano Rodotà. Monti intanto propone Anna Maria Cancellieri

Al via, nell’Aula della Camera, la terza votazione per l’elezione del presidente della Repubblica. Affinché il nuovo Capo dello Stato sia eletto servono ancora i due terzi dei Grandi elettori.

Si di Sel. «Siamo pronti a votare Prodi, questo perchè è un profilo che rientra in quello indicato. Comunque noi nella terza votazione sosterremo ancora Stefano Rodotà. Speriamo che i voti non arrivino in ordine sparso. Prodi è anche un nome che parla al M5S visto che era inserito nella rosa delle loro quirinarie», afferma in diretta a Tgcom24 Nicola Fratoianni (Sel). Che aggiunge: «Subito urne? Io ci andrei piano».

Romano Prodi, secondo quanto si apprende, è in questo momento in Mali e dovrebbe rientrare domani. L’ex premier, indicato dal Pd come candidato al Colle dal centrosinistra, non aveva, infatti, modificato in questi giorni i suoi impegni come inviato speciale del segretario generale dell’Onu per il Sahel. Pier Luigi Bersani ha chiamato poco prima della terza votazione l’ex premier, informandolo dell’esito dell’assemblea dei grandi elettori democrat.

Le reazioni. Il Pdl contesta duramente la scelta.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Assenteisti sul lavoro soffrono di disfunzioni erettili

Next Article

16 anni, fa la ricercatrice e vince un premio

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"