Pubblica foto sexy su Onlyfans e Gardaland non le rinnova il contratto

Ilaria Rimoldi, 25 anni, aveva cominciato a postare sue immagini in lingerie sul portale a pagamento. Un’idea che non è piaciuta ai suoi superiori che non l’hanno ritenuta in linea con la “vocazione familiare” del parco divertimenti. “Mi pagavano solo mille euro al mese, adesso sono arrivata a guadagnarne 5mila”.

Nonostante una laurea in arredamento e design era finita a lavorare nell’accoglienza visitatori di Gardaland. Ma visto che lo stipendio non era dei migliori (appena mille euro al mese) aveva deciso di arrotondare pubblicando le sue foto osé su Onlyfans. Un’idea che però non è piaciuta ai vertici del parco divertimenti veneto che non le ha più rinnovato il contratto. È quanto è accaduto a Ilaria Rimoldi, una ragazza di 25 anni originaria di Verona.

“Guadagnano mille euro al mese. Adesso arrivo a 5mila”

La ragazza fino a poche settimane fa lavorava con un contratto a tempo determinato a Gardaland, il parco divertimenti di Castelnuovo del Garda dove si occupava di guidare le attrazioni e accogliere i visitatori. “Il mio stipendio era di circa mille euro – ha raccontato la ragazza al Corriere del Veneto – e mi serviva un’entrata in più: tra affitto, auto, spesa e bollette, facevo fatica ad arrivare alla fine del mese”. E così ha deciso di pubblicare foto su Onlyfans, il portale che permette di scaricare contenuti soltanto a chi paga un abbonamento. “Non si tratta di foto di nudo ma solo immagini sexy, in lingerie. Iscriversi al mio canale costa dieci dollari al mese – ha aggiunto la 25enne – Il primo mese ho guadagnato 600 euro, ma poi il numero delle persone che mi seguono è aumentato e a novembre sono arrivata a guadagnare 5mila euro”.

Qualcuno l’ha riconosciuta all’interno del parco divertimenti

Tutto bene, dunque, fino a quando qualcuno all’interno del parco divertimenti non si è accorto della sua presenza su Onlyfans: in quel momento sono cominciati i problemi. “È capitato che alcuni visitatori mi riconoscessero. E quest’ estate sono stata convocata dalla direttrice del parco divertimenti e dal capo del personale. Mi hanno fatto presente che quella è una struttura per famiglie e che le mie foto su Onlyfans non si addicono all’immagine che il parco vuole dare all’esterno. Ho risposto che nel mio tempo libero faccio quel che voglio e non possono impedirmelo ma che, se volevano, potevano alzarmi lo stipendio. Ovviamente hanno rifiutato. Ma da quel momento ogni pretesto serviva per mettermi in difficoltà: ad esempio mi sono ritrovata con l’orario di lavoro che, all’improvviso, è stato quasi dimezzato”.

La replica dell’azienda: “Contenuti non in linea con la nostra vocazione familiare”

Una situazione di forte tensione che si è protratta fino alla scadenza naturale del contratto della 25enne che non è stato più rinnovato. “Gardaland riconosce e promuove l’importanza delle risorse umane all’interno dell’ambiente lavorativo e incentiva la creazione di rapporti di rispetto e collaborazione con e tra i propri dipendenti – è la replica della società che gestisce il parco divertimenti – Nell’ambito delle politiche aziendali si invitano i collaboratori, per le proprie attività digital, a evitare l’utilizzo improprio dei loghi o delle immagini di Gardaland non in linea con la vocazione familiare del Parco divertimenti”.

LEGGI ANCHE:

Total
10
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Torino, imbrattata la sede dell'ente per il diritto allo studio: "No rincari delle mense"

Next Article

Legge di Bilancio, settimana di sciopero contro la manovra economica

Related Posts
Leggi di più

TikTok fa scuola: 50 milioni per supportare contenuti di apprendimento

SCUOLA TikTok fa scuola: dalla fisica con il basket alle spiegazioni sulla spigola gigante, 50 milioni per supportare contenuti di apprendimento TikTok fa scuola: dalla fisica con il basket alle spiegazioni sulla spigola gigante, 50 milioni per supportare contenuti di apprendimento La piattaforma ha annunciato la costituzione di un Creative Learning Fund e lanciato l'hashtag #LearnOnTikTok. L'obiettivo è fornire risorse agli studenti introducendo gli insegnanti al social