Profumo: “Nessuna fuga dagli Atenei”

TORINO: FIRMA PROTOCOLLO MIUR - REGIONE PIEMONTE E PRESENTAZIONE BANDO SMART CITY CON MINISTRO PROFUMO

“Non c’è nessuna fuga dagli Atenei. Dietro la statistica c’è una realtà diversa. Il sistema è stabile.” E’ una realtà diversa quella raccontata dal ministro Francesco Profumo in un’intervista alla Stampa, dopo il rapporto del Cun che parlava di un calo del 17 % degli iscritti.

Profumo spiega la sua versione dei fatti. “Credo che per dare giudizi si debba partire da dati che abbiano valore statistico reale. In quel caso invece è stato considerato un anno di riferimento in cui c’è una bolla dovuta a due elementi. Da un lato ci sono gli studenti partiti con il vecchio ordinamento che hanno tentato di iscriversi al nuovo per ottenere la laurea breve. Questo ha un grande valore sociale ma crea una bolla nei dati. E poi c’è un altro gruppo di dipendenti della pubblica amministrazione che frequentavano le università per effetto di accordi che consentivano loro di laurearsi e di ottenere crediti. Dai dati risulta invece che prima dell’avvio del nuovo ordinamento, nel 1999-2000, gli immatricolati erano 278 mila e 278 mila erano dieci anni dopo. Nel 2003-2004, invece, quando la riforma era operativa, quasi 64 mila studenti neo-iscritti avevano più di 23 anni. Dieci anni dopo gli stessi studenti sono solo 18 mila. La bolla si è annullata”.

“Nel corso di questi anni ad essere crollate sono le immatricolazioni di chi ha più di 19 anni – continua Profumo, e cioè di quelli che sono passati dal vecchio al nuovo ordinamento. E va considerato anche l’aspetto demografico. Tra il 1999 e il 2011 si sono persi 70 mila diciannovenni per il crollo delle nascite, mentre il numero dei diplomati è rimasto costante. È evidente quindi che più correttamente va detto che la scolarità è aumentata”.

Anzi, secondo il ministro dell’Istruzione il sistema italiano è stabile. “ I dati ci mostrano come solo una parte di coloro che hanno fatto parte della bolla si sono poi davvero laureati. Ma mostrano anche un sistema stabile. La media di crescita dei laureati in Italia è superiore a quella dell’Ue a 21 che è del 4% e dei Paesi Ocse che è del 3,7%. Paesi come la Francia e la Germania sono fermi al 2,8% e all’1,3%. Partendo da una situazione peggiore abbiamo avuto l’opportunità di crescere di più. Il sistema universitario italiano non presenta anomalie e ha una buona tenuta, superiore alle aspettative: la crisi risale al 2007 determinando difficoltà da parte delle famiglie e minore propensione a decidere di investire risorse in questi studi”.

Profumo spiega anche le nuove, ultime, mosse del suo ministero: “Stiamo lavorando per garantire il diritto allo studio. Fra pochi giorni ci sarà un decreto che premierà chi vale. Le associazioni possono stare tranquille: non interverremo sulle quantità ma ci sarà una rimodulazione su base geografica che permetterà di favorire gli studenti svantaggiati e fuorisede e penalizzare i fuoricorso”.

In ultimo, una considerazione in vista della fine del mandato: “Il mio rimpianto più grande? La possibilità di far capire che alcuni settori come scuola e università non possono seguire i tempi della politica ma sono investimenti a lungo rilascio, indispensabili, da tenere in considerazione sempre e comunque”

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Udu, tre giorni di proteste contro i tagli alle borse di studio

Next Article

Tendenza "Bussing", notte in pullman per non tornare a casa

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.