Professore dell'Università di Pisa è coordinatore del gruppo Miur per la cittadinanza digitale

Adriano Fabris è Ordinario di Filosofia morale. Si occuperà di contribuire ad elaborare le linee guida per l’insegnamento dell’educazione civica nelle scuole
Il professor Adriano Fabris, ordinario di Filosofia morale all’Università di Pisa, è stato nominato coordinatore del gruppo del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca che si occuperà di educazione alla cittadinanza digitale. Il gruppo, di cui fanno parte anche tre dirigenti tecnici del Miur, porterà il suo contributo all’elaborazione delle linee guida per l’insegnamento dell’educazione civica nelle scuole dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione, oltre a fornire indicazioni per quanto riguarda i licei, gli istituti tecnici e professionali.
Per arrivare alla definizione delle linee guida, il Miur si avvarrà delle proposte avanzate in modo coordinato da un Comitato internazionale di esperti e da un Comitato tecnico-scientifico articolato in tre sottocomitati competenti per ognuna delle macroaree individuate, che dovranno concludere i propri lavori entro giugno 2020. Del Comitato internazionale fanno parte studiosi quali Sabino Cassese, giudice emerito della Corte Costituzionale; Jeremy Rifkin, presidente della Foundation on Economic Trends di Washington; Luciano Floridi, professore di Filosofia ed etica dell’informazione all’Università di Oxford; Enrico Giovannini, professore di Statistica economica all’Università di Roma ‘Tor Vergata’; Gunter Pauli, membro del Consiglio della Fondazione della ‘Science and Faith’ Foundation della Santa Sede; Kate Pickett, professore di Epidemiologia all’Università di Berkeley; Kate Raworth, senior visiting research associate all’Università di Oxford; Jeffrey Sachs, direttore del Earth Institute alla Columbia University.
I sottocomitati si occuperanno di ‘Costituzione, Istituzioni dello Stato italiano dell’Unione Europea e degli organismi internazionali; storia della bandiera e dell’inno nazionale’ (coordinatrice la professoressa Paola Marsocci dell’Università ‘La Sapienza’ di Roma); di ‘Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile’ (coordinatore il professor Leonardo Becchetti dell’Università degli Studi di Tor Vergata di Roma) e appunto di ‘Educazione alla cittadinanza digitale’ con coordinatore il professor Adriano Fabris.
pisatoday

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nel moderno Giappone le università restano dominio maschile

Next Article

Facebook alla ricerca di un metodo di sviluppo più efficiente: premiato un gruppo di ricerca italiano

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".