Principi Attivi per una Puglia migliore

Sono aperte le iscrizioni alla seconda edizione di Principi attivi il concorso rivolto ai giovani

Sono aperte le iscrizioni alla seconda edizione di Principi Attivi il concorso rivolto a tutti i giovani che amano la terra rossa e gli ulivi secolari.
L’iniziativa, promossa da Bollenti SpiritiRegione Puglia, è nata dall’Accordo di Programma Quadro “Giovani idee per una Puglia migliore”, sottoscritto il 4 aprile 2008 con la Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dipartimento per le Politiche Giovanili e le Attività Sportive e il Ministero dello Sviluppo Economico).
Il progetto si prefigge due obiettivi principali: responsabilizzare i giovani promuovendone allo stesso tempo la creatività e l’apprendimento; valorizzare il territorio locale. È un mezzo, quindi, per riconoscere l’importanza dei giovani come risorsa indispensabile per lo sviluppo di una regione che, come tante altre, risente della crisi di opportunità.
Quello che occorre per candidarsi (il progetto deve essere elaborato da almeno due persone) è un’idea buona e innovativa da presentare entro e non oltre le ore 13.00 del 14 giugno 2010. Quest’anno i progetti approvati saranno finanziati, venendo meno il contributo del Fondo Nazionale Politiche Giovanili, con le risorse del Bilancio della Regione Puglia che ha stanziato 2.200.000 euro.
Al concorso possono partecipare tutti i giovani italiani e stranieri (nati dopo il 1 gennaio del 1977) che siano residenti in Puglia e abbiano un’età compresa tra i 18 e i 32 anni. È possibile per ciascun gruppo proporre un unico progetto rientrante in una delle aree individuate nel bando: idee per la tutela e la valorizzazione del territorio; idee per lo sviluppo dell’economia della conoscenza e dell’innovazione; idee per l’inclusione sociale e la cittadinanza attiva.
La Regione ha deciso di investire sui giovani, di credere in loro certa che i giovani pugliesi, orgogliosi delle loro origini, non lasceranno la loro terra da sola neanche quest’anno.
Annalisa Amato

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Wireless all'Università Magna Grecia

Next Article

Utopia moriniana

Related Posts
Strage ustica revisionismo a scuola
Leggi di più

Strage di Ustica, il revisionismo sbarca a scuola

Il Ministero dell'Istruzione ha accreditato l'associazione dell'ex ministro Giovanrdi che sostiene la tesi della bomba a bordo del volo che il 27 giugno 1980 provocò la morte di 81 persone.