Poste Italiane assume neolaureati in Ingegneria Gestionale

poste italiane assume

Poste italiane assume ingegneriL’annuncio pubblicato sul sito dell’azienda, per posizioni nelle filiali di Torino, Milano, Venezia, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Bari e Palermo. Offerto uno stage di sei mesi propedeutici all’inserimento in Azienda

 

Poste italiane cerca ingegneri. L’annuncio è stato pubblicato sul sito dell’azienda, nella sezione Lavora con noi.

Non viene specificato il numero di posti disponibili, ma la ricerca è aperta per due diverse aree di inserimento professionale (Operations e Market/Commerciale)  nelle filiali di Torino, Milano, Venezia, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Bari e Palermo.

Poste italiane offre uno stage della durata di 6 mesi propedeutici ad un eventuale inserimento in Azienda. La selezione è rivolta a neolaureati in Ingegneria Gestionale che abbiano conseguito il titolo da meno di 12 mesi con un voto di laurea pari almeno a 102/110. Altri requisiti sono: la buona conoscenza della lingua inglese e l’ottimo utilizzo degli strumenti del pacchetto Office Automation.

Verranno valutati positivamente anche  la forte motivazione ad intraprendere un percorso formativo e professionalizzante, la capacità di integrazione e di lavoro in gruppo e l’orientamento al cliente.

I candidati selezionati verranno inseriti negli uffici di Mercato Privati, l’organizzazione di Poste Italiane che mette in collegamento i servizi dell’azienda con i privati, le piccole e medie imprese e parte della Pubblica Amministrazione Locale.

Per partecipare alla selezione bisogna caricare il proprio curriculum vitae sul sito di Poste italiane e candidarsi all’offerta di tirocinio tramite questo link.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Primo giorno di scuola tra auguri, tweet istituzionali e mobilitazioni studentesche

Next Article

Storia delle mafie, all'Università di Pavia parte uno dei corsi più attesi dagli studenti

Related Posts
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.