Guida al Post Diploma – Accademia di Belle Arti, cosa c’è da sapere?

Benvenuti nella sezione POST DIPLOMA – Studiare all’Università. Una rubrica tratta dalla sezione Orientamento all’Università della Guida alla Maturità 2019
La sezione di orientamento all’Università, vi darà la possibilità di guardare oltre il diploma, Facoltà per Facoltà, con tutti gli indirizzi, gli obiettivi formativi e gli sbocchi occupazionali.
Hai scelto di leggere: ACCADEMIA DI BELLE ARTI !!

OBIETTIVI FORMATIVI
L’Accademia delle Belle Arti fa parte del sistema di Alta Formazione Artistica e Musicale, ed è parte del comparto universitario italiano che fa capo al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR-AFAM), al quale afferiscono le istituzioni ita- liane preposte alla formazione alle arti, alla musica e allo spettacolo.
Solitamente l’offerta formativa è divisa in due momenti di studio: corsi accademici di Primo Livello (trienni ordinamentali) in: decorazione, grafica, pittura, scenografia, scultura, didattica dell’Arte.
Superato il primo ciclo di studi si può accedere al secondo, (il biennio specialistico sperimentale) in:
– Progettazione e cura degli Allestimenti Artistici
– Progettazione plastica per la Scenografia Teatrale
– Arti Visive e Nuovi Linguaggi Espressivi – Indirizzo Decorazione
– Arti Visive e Nuovi Linguaggi Espressivi – Indirizzo Grafica,
– Arti Visive e Nuovi Linguaggi espressivi – Indirizzo Pittura;
– Arti Visive e Nuovi Linguaggi Espressivi – Indirizzo Scultura;
– Cultura del Costume (ad esaurimento).
SBOCCHI OCCUPAZIONALI
Un giovane laureato alla Accademia delle Belle Arti ha davanti a sé diverse opportunità di carriera. Ci sono i percorsi cosiddetti tradizionali collegati alla formazione dell’artista (arti visive, plastiche, decorative, dello spettacolo) ma anche quelli connessi alla creazione artistica attraverso la tecnologia moderna. Cinema, teatro, media televisivi e radiofonici, animazione locale e territoriale, restauro, promozione, eventi.
Da qualche anno le Accademie hanno sviluppato particolare interesse per la comunicazione audiovisiva perché i mille mestieri legati all’elaborazione creativa della fotografia, del cinema e del video, offrono sbocchi interessanti. In sintesi, ecco un ventaglio delle professioni: Libero professionista, scenografo, pittore, arredatore, insegnate, grafico, fotografo, illustratore, scultore, curatore e tutte quelle professioni legate alla salvaguardia e conservazione dell’immenso patrimonio artistico culturale del nostro Paese.

CLICCA QUI PER SCARICARE LA GUIDA DI ORIENTAMENTO COMPLETA

Corsi di laurea (Triennale, Magistrale, online): orientamento e guida alle Università italiane

La rubrica POST DIPLOMA – Studiare all’Università è tratta dalla sezione Orientamento all’Università della Guida alla Maturità. Scarica la versione completa della GUIDA ALLA MATURITA’2019 di CorriereUniv e resta connesso con noi per tutte le notizie sull’esame di stato 2019!


Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Concorsi truccati, Bussetti: 'Se confermato li cancelleremo'

Next Article

Università, pubblicati i decreti con i posti dei corsi ad accesso programmato nazionale

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".