Pontedera, studente scimmiotta in classe il prof e riceve un pugno nello stomaco. Ecco il video

Le immagini durano pochi secondi e sono state registrate dai compagni di classe dello studente di un istituto superiore di Pontedera colpito allo stomaco da un pugno sferrato da un suo insegnante. Il docente è stato sospeso.

Il video è di pochi secondi e l’audio non è dei migliori. Il prof è seduto alla cattedra e intorno a lui c’è un gran baccano con schiamazzi di studenti. Ad un certo punto uno di loro si alza dal banco, si avvicina al docente e inizia a ballare, scimmiottando l’insegnante. Davanti a lui i compagni iniziano a ridere. Lo fa anche chi riprende con il telefonino la scena che in queste ore sta facendo il giro del web.

E’ in quel momento che il docente perde la calma e sferra un pugno nello stomaco del ragazzo. Si sente lo studente accusare il colpo e chiedere al prof spiegazioni del suo gesto. A quel punto però l’insegnante si alza dalla sedia e si dirige minaccioso verso il ragazzo, mettendolo di fatto spalle contro il muro.

Il video però si interrompe. Adesso spetterà alla polizia, dopo la denuncia presentata dai genitori del ragazzo, capire e ricostruire i dettagli di quanto successo nella scuola di Pontedera. Nel frattempo però il docente, a quanto si è appreso, è stato già sospeso dai vertici della sua scuola.

LEGGI ANCHE:

Total
49
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Valditara tende la mano agli studenti: "La loro protesta va ascoltata"

Next Article

La settimana sull'ottovolante (dei social) di Carlotta Rossignoli: da esempio per il record nella laurea a studentessa privilegiata

Related Posts
Leggi di più

Bufera sulla frase di Valditara: “Umiliazione serve per far crescere gli studenti”. Poi il dietrofront: “Volevo dire umiltà”

Durante un intervento a Milano il ministro dell'Istruzione fa una considerazione sui lavori socialmente utili per gli studenti violenti: "Soltanto lavorando per la collettività, umiliandosi anche, di fronte ai suoi compagni, lui si prende la responsabilità dei propri atti". Dopo la pioggia di critiche la marcia indietro: "Vittima di un lapsus".