Polimi, spin-off hi-tech con energia

genport.jpgDalla collaborazione di realtà eterogenee ma dinamiche, capaci di fornire il know-how tecnico-scientifico e le risorse per far decollare il progetto, è nata Genport Srl, spin-off del Politecnico di Milano che ha superato i limiti tradizionali del fare nuova impresa tecnologica in Italia, comprendendo nella propria compagine sociale attori in grado di coprire tutte le esigenze della nuova società.
Genport Srl si occuperà della progettazione, della fabbricazione e della commercializzazione di celle a combustibile portatili, sistemi a impatto ambientale zero per la generazione portatile di energia elettrica da impiegare come caricabatterie, unità ausiliarie di potenza e gruppi di continuità in tutte quelle circostanze in cui occorre fornire elevata densità di energia per utenze non raggiunte dalla rete elettrica.
La costituzione di Genport rappresenta quindi un progetto ambizioso e complesso per le molteplici aspettative che genera, e rappresenta un esempio unico di partnership tra ricerca, industria e finanza, dimostrando che anche in Italia queste esperienze sono possibili.
Partner dell’iniziativa sono infatti – oltre al Polimi – la società Genbee Srl, che porterà il know-how tecnico scientifico e gestionale; la Elemaster Spa, attiva nelle tecnologie elettroniche, che ospiterà l’avvio delle attività produttive e realizzerà l’elettronica dei prodotti; la SAATIgroup Spa, che produce tessuti tecnici industriali e che renderà disponibili componenti innovativi nel settore delle celle a combustibili e la Mediocreval Spa (Gruppo bancario Credito Valtellinese), che ha investito in Genport per favorire l’industrializzazione in settori ad alta tecnologia in Valtellina.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Se il pub è meglio del museo e Canova diventa Michelangelo

Next Article

La Regione Lazio per il life long learning

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.