Oxford e Cambridge, aumentano le rette annuali

I loro iscritti sembrano non diminuire mai e così i due più prestigiosi atenei britannici, Oxford e Cambridge, non si sono posti nessun problema nel triplicare le rette annuali per frequentare i loro corsi. Le due università inglesi infatti hanno accolto con favore i piani del governo di Londra di aumentare le rette universitarie fino a 9.000 sterline.

I loro iscritti sembrano non diminuire mai e così i due più prestigiosi atenei britannici, Oxford e Cambridge, non si sono posti nessun problema nel triplicare le rette annuali per frequentare i loro corsi. Le due università inglesi infatti hanno accolto con favore i piani del governo di Londra di aumentare le rette universitarie fino a 9.000 sterline.
Secondo i piani le università potranno aumentare le rette da 3.290 sterline l’anno fino a 6.000 sterline, arrivando a 9.000 solo in «circostanze eccezionali» e assegnando un numero maggiore di borse di studio per i laureandi di famiglie meno ricche.
A preoccuparsi degli studenti più poveri restano però le altre università, il sindacato degli universitari e dell’associazione dei medici britannici, secondo i quali le rette potrebbero rappresentare un deterrente per i meno abbienti che aspirano a una laurea in medicina.
Ma  le università del Russell Group, che include Oxford e Cambridge, guardano oltre: la grande quantità di finanziamenti esterni che ricevono permetterebbe loro di istituire senza problemi un maggior numero di borse di studio.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Marc de Montalembert: segui la tua vocazione

Next Article

Giornalisti per Napoli

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".