Ocse: in Europa 48mln di disoccupati

Nuovi allarmati dati giungono dall’Ocse: quest’anno in Europa i senza lavoro sono 48 milioni, pari a un tasso del 7,9%. Superiore di 15 milioni rispetto al 2007 sottolinea l’Employment outlook 2012, si ipotizza che a fine anno il tasso dovrebbe crescere fino all’8% per poi riscendere al 7,9% nel 2013.

Nuovi allarmati dati giungono dall’Ocse: quest’anno in Europa i senza lavoro sono 48 milioni, pari a un tasso del 7,9%. Superiore di 15 milioni rispetto al 2007 sottolinea l’Employment outlook 2012, si ipotizza che a fine anno il tasso dovrebbe crescere fino all’8% per poi riscendere al 7,9% nel 2013.

A guidare la classifica europea è la Spagna che quest’anno raggiungerà un livello di disoccupazione del 24,5%, subito dopo la Grecia col 21,2%. Male anche Francia e Gran Bretagna rispettivamente 9,8% e 8,6%. Piccole prospettive di miglioramento per la Germania che dovrebbe perdere 0,2% nel 2013.

Per l’Italia cresce la disoccupazione che dovrebbe toccare quest’anno il 9,4% per poi aumentare nel 2013 al 9,9%.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Spending-review Università: per gli studenti una beffa

Next Article

Miur: studenti più bravi, aumentano i promossi

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.