Nuove regole per trasferirsi in UK a partire dal 1 gennaio 2021

Il governo britannico ha lanciato una campagna di sensibilizzazione a livello europeo per preparare i cittadini Ue al sistema che regolerà l’immigrazione verso il Regno Unito a partire dal 1 gennaio 2021.

Il governo britannico ha lanciato una campagna di sensibilizzazione a livello europeo per preparare i cittadini Ue al sistema che regolerà l’immigrazione verso il Regno Unito a partire dal 1 gennaio 2021.

Londra : L’Ambasciatore Jill Morris dell’ambasciata Britannica a Roma esorta i cittadini italiani a prepararsi.

La libera circolazione tra l’Ue e il Regno Unito terminerà alle 23.00 del 31 dicembre prossimo, e da quel momento i cittadini europei non avranno più automaticamente diritto di trasferirsi per vivere nel Regno Unito.

Il Regno Unito introdurrà infatti un nuovo sistema di immigrazione a punti che tratterà le persone allo stesso modo, a prescindere dal luogo di provenienza, dando priorità alle competenze e al talento.

I cittadini italiani che non vivono già nel Regno Unito, o che non hanno diritti ai sensi del Withdrawal Agreement di studiare o lavorare nel Regno Unito, dovranno soddisfare specifici requisiti e richiedere un visto attraverso il nuovo sistema di immigrazione.

La campagna, che mira a informare i cittadini europei sul cambiamento della normativa relativa all’immigrazione verso il Regno Unito, è stata tradotta anche in italiano e continuerà durante i mesi di novembre e dicembre attraverso diversi canali di informazione, media e social media, con una seconda fase prevista per l’inizio del 2021.

La campagna esorta tutti i cittadini europei, italiani inclusi, a visitare il sito web del governo britannico –  www.GOV.UK/TrasferirsiNelRegnoUnito – dove sono disponibili ulteriori informazioni su come candidarsi per lavorare o studiare nel Regno Unito.

In base alle nuove regole, i cittadini dell’Ue potranno continuare a visitare il Regno Unito senza richiedere il visto e, nella maggior parte dei casi, potranno rimanere fino a 6 mesi. Le modifiche non incideranno sui diritti garantiti dal EU Settlement Scheme.

“Il nuovo sistema di immigrazione invia un messaggio a tutto il mondo: la Gran Bretagna resta “open for business”. Vogliamo continuare a incoraggiare i migliori talenti da tutto il mondo a portare le loro competenze nel Regno Unito” – ha dichiarato l’Ambasciatore britannico in Italia, Jill Morris – “Vogliamo dare il benvenuto a numerosi studenti italiani meritevoli, che senza dubbio potranno continuare a trarre beneficio dallo studio nelle nostre università, leader nel mondo. Ma è importante sapere quali saranno le normative vigenti, ed esorto tutti gli italiani ad informarsi per tempo”.

La campagna di informazione incoraggia i cittadini italiani interessati ad ottenere maggiori dettagli sul sito web del governo britannico, che è stato tradotto in italiano e in altre 23 lingue.  Coloro che desiderano trasferirsi nel Regno Unito dopo il 31 dicembre 2020, possono visitare il sito: www.GOV.UK/TrasferirsiNelRegnoUnito

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

App Store Best 2020: le migliori app dell’anno

Next Article

Call Artworker- Giovani, Creatività e Lavoro per giovani residenti in Campania, Calabria e Sicilia

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"