Normale di Pisa, si dimette il direttore Vincenzo Barone dopo lo scontro sulla sede a Napoli

Nelle scorse ore le assemblee del personale avevano dato mandato ai loro rappresentanti nel Senato accademico di votare la sfiducia. Il pronostico parlava di 12 voti a favore della mozione e un astenuto, il vicedirettore che ricopre un ruolo di garanzia. La replica: “No comment, ora penserò di più alla mia salute”
Il direttore della Normale di Pisa Vincenzo Barone si è presentato dimissionario alla seduta del Senato accademico in programma oggi alle 10. E’ quanto apprende l’Agenzia Ansa da fonti accademiche. Le dimissioni irrevocabili del professore sono già al protocollo della Scuola. La decisione è maturata nella notte dopo che ieri pomeriggio Barone aveva annunciato che avrebbe valutato come comportarsi solo dopo aver appreso, nel corso del Senato accademico, i termini della mozione di sfiducia presentata dagli studenti.
“Non ho nulla da commentare, d’ora in avanti penserò un po’ di più alla mia salute”, è stato il suo commento questa mattina. Anche i suoi fedelissimi devono averlo convinto che la battaglia era ormai persa e un ulteriore muro contro muro, dicono in molti a Palazzo della Carovana, avrebbe solo “ulteriormente danneggiato l’immagine della Normale e anche quella dello stesso direttore”. Ieri infatti le assemblee del personale avevano dato mandato ai loro rappresentanti nel Senato accademico di votare la sfiducia, il pronostico parlava di 12 voti a favore della mozione e un astenuto, il vicedirettore che ricopre un ruolo di garanzia.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturità 2019, chi sono i commissari esterni e quando escono i nomi

Next Article

Padova, 19enne ricoverata per meningite: allarme contagio all’Università

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.