Niccolò Fabi alla Sapienza con "Violenza 124”

3988_fotoniccolfabi.jpgLe mura dell’edificio di Scienze della Comunicazione ieri sera hanno vibrato al ritmo di 124 bpm. Niccolò Fabi ha intrattenuto una vasta e giovane platea presentando il suo ultimo lavoro “Violenza 124”, un progetto musicale che lo ha portato fuori dai suoi soliti schemi e che lo ha messo in interazione con altri musicisti.
L’incontro è avvenuto nell’ambito di “Martedì d’autore. Dialoghi, note e parole”, iniziativa che la Sapienza ha inaugurato proprio ieri con Fabi e che vedrà impegnati per sette martedì artisti ed autori che interpreteranno ognuno a suo modo il tema della violenza.
Il progetto che il musicista quarantenne ha presentato può apparire in prima battuta molto semplice; tuttavia, ascoltando la storia della sua realizzazione dalle stesse parole di Fabi, ci si accorge che il processo di creazione non è stato affatto banale. Il tema da cui si è partiti, come già detto, è la violenza: Fabi l’ha rappresentata dando vita a un motivo musicale molto ritmico ed ha invitato altri musicisti provenienti dagli scenari musicali più vari a interpretare secondo il loro stile il suo motivo, la “cellula” da lui creata per personificare la violenza. Scopo e fine del progetto miscelare le creazioni di tutti i musicisti per dar vita a un prodotto musicale nuovo e decisamente particolare.
“Il punto di partenza – racconta Niccolò Fabi – è stata, ovviamente, la musica: ho creato un tema in re minore concentrandomi non sulla melodia ma sul ritmo. I tre strumenti che si sentono rappresentano, per me, lo stato d’animo dato dalla violenza. In seconda battuta ho pensato ai musicisti che stimo e con cui avrei voluto lavorare e gli ho chiesto di reinterpretare la mia cellula in assoluta libertà; unica regola: mantenere il ritmo originario di 124 bpm (battiti per minuto), in modo che alla fine tutte le rivisitazioni potessero suonare insieme allo stesso ritmo”.
I sette musicisti (e gruppi musicali) che Fabi ha chiamato a prender parte al progetto arrivano da ambiti davvero diversi: dalla musica classico-lirica al pop fino a un gruppo di percussionisti senegalesi. Ognuno a modo suo ha reinterpretato la cellula iniziale: farli suonare tutti insieme armonicamente era la grande sfida di base e Fabi ce l’ha fatta.
Sia il pubblico in sala che i critici di musica (tra i quali Federico Guglielmi e Fabrizio Zampa) hanno concordato, dopo aver ascoltato il prodotto compiuto, che l’esperimento era riuscito: la musica era davvero un prodotto originale.
Il concerto “Violenza 124” è ascoltabile gratuitamente on line al sito www.violenza124.com.

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Shoah, una ferita tragica e indelebile

Next Article

Matricole: più ingegneri, meno comunicatori

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale