"A Natale tutti a scuola" – La proposta della Lega Nord per i docenti non cattolici

Il caso Rozzano si porta dietro strascichi importanti per il mondo della scuola. La Lega Nord, infatti, ha presentato al Senato un disegno di legge per chiedere che tutti i dipendenti della scuola che non si riconoscono nei valori cattolici rinuncino anche alle feste cristiane, e quindi a tutto il periodo di vacanze natalizie.

“Il no Natale si traduce coerentemente in no festa – spiega Gianmarco Centinaio, capogruppo della Lega a palazzo Madama e primo firmatario della proposta di legge – con insegnanti o presidi che in quei giorni, festivi per i cattolici, possono invece andare al lavoro esercitando un loro legittimo diritto. È un’opportunità – dice ancora Centinaio, spiegando il senso «provocatorio, ma non troppo» della proposta – per tutti quegli insegnanti o presidi che magari rifiutano, come in questo periodo, di fare il presepe o far cantare le canzoni di Natale: se non riconoscono l’evento religioso allora andranno al lavoro. Del resto l’obiezione di coscienza è prevista per molte categorie, perché non aggiungere anche i docenti?”.

Nello specifico, all’articolo 3 del disegno di legge leghista si legge che “’obiezione di coscienza dà diritto a non osservare il riposo festivo connesso a tali festività”. “Le radici cristiane sono un valore fondante della nostra cultura – continua Centinaio – che è importante anche per gli appartenenti ad altre religioni o per gli atei e agnostici conoscere e rispettare, senza atteggiamenti di rifiuto o aprioristica preclusione. Voler a tutti i costi cancellare i simboli della nostra identità in nome di un mal interpretato laicismo significa rinunciare ai principi su cui si fonda la nostra società, dato che i principi del cattolicesimo fanno parte del patrimonio storico del popolo italiano, così come sancito dall’articolo 9, numero 2, della legge 25 marzo 1985, n. 121 ovvero la Ratifica ed esecuzione dell’accordo, con protocollo addizionale, firmato a Roma il 18 febbraio 1984, che apporta modificazioni al Concordato lateranense dell’11 febbraio 1929 tra la Repubblica italiana e la Santa Sede”.

Total
0
Shares
3 comments
  1. Finalmente una proposta seria!!!!!!!!!!!! Chi non si riconosce nei valori del cattolicesimo sia coerente con l’andare al lavoro durante le festività natalizie e pasquali, magari in quegli uffici dove c’è mancanza di personale… Fatevi avanti allora…chi aspettate??? che vi si faccia una legge ad hoc ???? A parlare siamo tutti bravi… nel fare c’è l’intoppo…

  2. A scuola a fare che? Lezione agli studenti che non si riconoscono nei valori cattolici e quindi, esercitando un loro legittimo diritto, andranno a scuola il giorno di Natale previo sfondamento del portone che avranno trovato chiuso? O forse i collaboratori scolastici che non si riconoscono nei valori cattolici ansranno a scuola a Natale per aprire il portone ai docenti e agli studenti miscredenti miscredenti come loro? O forse a scuola, 365 giorni all’anno, dovrebbero tornarci i leghisti messi come sto tizio, che evidentemente non hanno capito bene cosa fare della loro vita, visto che perdono il loro tempo a scrivere disegni di legge assurdi come questo, con cui tengono impegbato il senato e sprecano risorse pubbliche ben sapendo, peraltro, che non saranno mai approvati?

Lascia un commento
Previous Article

Miur, Coni e Ferrero firmano protocollo per diffondere sport e salute nelle scuole

Next Article

La rassegna stampa di lunedì 14 dicembre

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.