Nasce a Napoli il primo Master italiano in Hospitality Management.

La presentazione del Master

Nasce a Napoli il primo Master italiano in Hospitality Management.

Ideato e organizzato dall’Università Suor Orsola Benincasa in collaborazione con Federalberghi Napoli e in partenariato con numerose strutture alberghiere italiane, intende formare la futura classe dirigente ed imprenditoriale del complesso ed ampio settore dell’Hospitality.

“L’Europa è la prima destinazione turistica nel mondo – spiega Paola Villani, presidente del Corso di laurea in progettazione e gestione del Turismo culturale al Suor Orsola e Coordinatore scientifico del Master – e l’industria del turismo è un settore chiave dell’economia europea, che genera oltre il 10% del PIL dell’UE e impiega 9,7 milioni di persone e coinvolge 1,8 milioni di imprese. Questi dati così importanti non sono altrettanto sviluppati in Italia ed in particolare nel Mezzogiorno nonostante le grandi potenzialità di attrazione (culturale, paesaggistica, enogastronomica e quant’altro) dei nostri territori ed è per questo che l’Università Suor Orsola Benincasa ha ideato in stretta connessione con la rete degli albergatori questo innovativo percorso di alta formazione post laurea che vuole formare, in maniera adeguata alle attuali necessità del mercato internazionale, la futura classe dirigente della gestione e della promozione dell’ospitalità alberghiera”.

Competenze trasversali, general management, marketing management, economia gestionale, nuove tecnologie e software di gestione, web marketing e comunicazione alberghiera, revenue management, destination management, organizzazione di eventi in albergo. Questi i grandi temi del percorso didattico di durata annuale che prevede lezioni frontali e formazione on the job con tre mesi di stage.
Il Master è aperto a 50 laureati di tutte le discipline. Adesioni entro il 30 maggio 2014 www.unisob.na.it/mhm

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Abilitazione Scientifica Nazionale – La denuncia di una candidato: “Bocciato per motivazioni lobbistiche”

Next Article

Università: proteste per tagli ai fondi

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.