Miur, scuola digitale: nessun passo indietro

Nessuna marcia indietro sul Piano Scuola Digitale, ne’ tantomeno sulle connessioni internet di cui dotare le scuole. Lo sottolinea il ministero dell’Istruzione in una nota. Obiettivo della circolare del Ministero dello scorso 20 settembre, ricorda il Miur, a cui hanno fatto riferimento le recenti notizie sul taglio della connessione internet a circa 3.800 istituti scolastici, e’ rivedere contratti vecchi e onerosi, e dare la possibilità alle scuole di dotarsi, autonomamente, di connessioni nuove e meno care.

Nessuna marcia indietro sul Piano Scuola Digitale, ne’ tantomeno sulle connessioni internet di cui dotare le scuole. Lo sottolinea il ministero dell’Istruzione in una nota. Obiettivo della circolare del Ministero dello scorso 20 settembre, ricorda il Miur, a cui hanno fatto riferimento le recenti notizie sul taglio della connessione internet a circa 3.800 istituti scolastici, e’ rivedere contratti vecchi e onerosi, e dare la possibilità alle scuole di dotarsi, autonomamente, di connessioni nuove e meno care.

Anche grazie alle risorse per la gestione ordinaria degli istituti che, come comunicato di recente, sono state aumentate del 33%, passando da 200 a 240 milioni di euro. In passato, i 3.800 istituti in questione potevano contare sulla connessione del Sistema Pubblico di Connettività (SPC), che garantiva una connessione con un operatore a banda larga a spese del Miur. Questa convenzione, che copriva tra l’altro solo il 30% delle scuole, riguardava le connessioni per le sole segreterie scolastiche ed e’ stata stipulata nel 2006, a prezzi di mercato più elevati degli attuali. Finora il costo sostenuto dal Ministero e’ di 6 milioni di euro l’anno. La circolare del Miur, d’altra parte, ricorda il ministero, segue le recenti modifiche alla normativa introdotte dal Decreto legge n. 95 del 2012, secondo cui una serie di fondi gestiti in precedenza dal Ministero deve essere attribuita direttamente alle scuole, garantendo agli istituti maggiore autonomia e soprattutto maggiore flessibilità di spesa.

“Un meccanismo – spiega il Miur – che, insieme all’aumento dei fondi di funzionamento e alla possibilità di rivolgersi autonomamente al mercato, potrà garantire condizioni più vantaggiose di quelle assicurate da una convenzione ormai datata. Le scuole, quindi, potranno continuare a dotarsi di una connessione internet, scegliendo operatori e offerte che preferiscono, in ogni caso risparmiando sulle spese sostenute per il servizio.

In questo modo potranno gestire meglio i fondi a disposizione e far fronte alle diverse esigenze per il lavoro di tutti i giorni. Il fondo di funzionamento degli istituti comunque sarà opportunamente incrementato nel caso di istituti che, per motivi tecnici (digital divide), necessitano di connessioni più costose attraverso, ad esempio, collegamenti satellitari. Il Piano Scuola Digitale va dunque avanti – conclude il ministero – con l’impegno del Miur a non lasciare indietro nessuno”.

Fonte: Agi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'Odissea di Ivan "Srl? Soldi buttati per un'illusione"

Next Article

Solidarietà con Italia Loves Emilia

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".