Miss Italia, la ricerca studia i nuovi parametri

Ovale proporzionato alle labbra (il superiore più pronunciato), naso piccolo e rettilineo, distanza tra gli occhi in armonia con il disegno delle sopracciglia e fronte alta e spaziosa.Ecco i nuovi parametri.

Ovale proporzionato alle labbra (il superiore più pronunciato), naso piccolo e rettilineo, distanza tra gli occhi in armonia con il disegno delle sopracciglia e fronte alta e spaziosa. Questi sembrerebbero essere i nuovi parametri scientifici per vincere il titolo di Miss Italia 2010.
A stabilirlo sono i primi risultati dello studio promosso dalla Società italiana di Ortodonzia (Sido) e compiuto sui volti delle 60 finaliste a Miss Italia da quattro docenti universitari di Roma e Napoli, compreso un ingegnere del Politecnico di Bari che ha messo a punto un sistema di rilevazione simile a quello usato nel cinema per realizzare personaggi come quelli del film ‘Avatar’.
Questi risultati, che saranno sviluppati nei prossimi due anni, sono stati presentati a Salsomaggiore Terme nel convegno La bellezza come è cambiata, voluto dalla patron di Miss Italia, Patrizia Mirigliani, per indagare i nuovi canoni della bellezza dopo aver notato i cambiamenti nelle vincitrici del concorso, nei 71 anni trascorsi dalla prima edizione del 1939: dalla bellezza mediterranea delle maggiorate, passando dalla ‘donna grissino anni Ottanta, è stato osservato, «più o meno ogni 15 anni c’è una rivoluzione nei volti delle concorrenti».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cnsu, lettera aperta alla ministra

Next Article

Unipv, selezioni per 21 giovani

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".