Ministero Affari Esteri: concorso per 27 Funzionari Informatici

Il Ministero degli Affari Esteri ha indetto un concorso per 27 Funzionari Informatici, terza area funzionale, fascia retributiva F1.

Il Ministero degli Affari Esteri ha indetto un concorso per 27 Funzionari Informatici, terza area funzionale, fascia retributiva F1.

Il concorso è rivolto a laureati ed è prevista l’assunzione a tempo indeterminato.

Per presentare le candidature c’è tempo fino al 5 Febbraio 2021. Ecco il bando e tutti i dettagli per partecipare.

REQUISITI

Per partecipare al concorso per funzionari informatici al Ministero degli Affari Esteri, è richiesto il possesso dei requisiti di seguito riassunti:

  • cittadinanza italiana;
  • età non inferiore a 18 anni;
  • idoneità fisica all’impiego;
  • godimento dei diritti politici;
  • non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso pubblica amministrazione per insufficiente rendimento;
  • non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo;
  • conoscenza della lingua inglese.

Ai candidati è inoltre richiesta la laurea specialistica o magistrale in una delle seguenti classi

  • L-08 Ingegneria dell’Informazione;
  • L-31 Scienze e Tecnologie Informatiche;
  • L-35 Scienze Matematiche;
  • L-41 Statistica;
  • LM-18 Informatica;
  • LM-26 Ingegneria della sicurezza;
  • LM-27 Ingegneria delle telecomunicazioni;
  • LM-29 Ingegneria elettronica;
  • LM-31 Ingegneria gestionale;
  • LM-32 Ingegneria informatica;
  • LM-40 Matematica;
  • LM-43 Metodologie informatiche per le discipline umanistiche;
  • LM-44 Modellistica matematico-fisica per l’ingegneria;
  • LM-66 Sicurezza informatica;
  • LM-82 Scienze statistiche;
  • LM-83 Scienze Statistiche Attuariali e Finanziarie;
  • LM-91 Tecniche e metodi per la società dell’informazione.

Si rende noto che sul concorso operano le riserve di posto a favore dei volontari delle FF.AA e degli impiegati di nazionalità italiana con contratto a tempo indeterminato presso le Rappresentanze diplomatiche, gli Uffici consolari e gli Istituti italiani di cultura all’estero

SELEZIONE

Qualora il numero delle domande lo renda necessario, è facoltà dell’Amministrazione effettuare
una prova preselettiva.

I candidati saranno selezionati in base alla valutazione dei titoli e all’espletamento di tre prove d’esame: due prove scritte ed una prova orale.

MATERIE D’ESAME

Le prove scritte ed orali verteranno sulle seguenti materie:

– Informatica
– Telecomunicazioni
– Elementi normativi sull’informatica nella Pubblica Amministrazione e ordinamento del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale;
– Elementi di diritto amministrativo e contabilità di Stato;
– Altra lingua straniera veicolare da scegliersi tra francese, spagnolo, tedesco, arabo, russo,
portoghese, cinese e giapponese.

RETRIBUZIONE

I vincitori del concorso per informatici al Ministero Affari Esteri riceveranno uno stipendio di circa € 1760, 45 (terza area funzionale, fascia retributiva F1).

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI

Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI), svolge funzioni di rappresentanza e di tutela degli interessi dell’Italia in sede internazionale. Il Ministero ha sede a Roma, presso la Farnesina, ed è suddiviso in otto direzioni e sei servizi. Il MAECI è organizzato in ambasciate, consolati, rappresentanze permanenti presso le organizzazioni internazionali e istituti italiani di cultura.

DOMANDA DI AMMISSIONE

La domanda di partecipazione al concorso per funzionari informatici al Ministero degli Affari Esteri deve essere presentata attraverso apposita procedura telematica raggiungibile a questa pagina, entro il 5 Febbraio 2021.

BANDO INFORMATICI MINISTERO AFFARI ESTERI

Gli interessati a partecipare al concorso sono invitati a scaricare e leggere attentamente il BANDO (Pdf 544 Kb), pubblicato per estratto sulla GU n. 99 del 22-12-2020.

Le successive comunicazioni saranno pubblicate sul sito del Ministero degli Affari Esteri, alla sezione ‘Amministrazione Trasparente > Bandi di concorso’.

Total
0
Shares
1 comment
  1. con quanto richiesto per partecipare al concorso ,la retribuzione di 1.760,45 è una vergogna. Sicuramente sarà la retribuzione per il primo anno di servizio, poi credo che aumenterà. I vincitori del concorso perchè non seguono la carriera diplomatica ?

Lascia un commento
Previous Article

Legge di Bilancio, via libera alla Camera dei deputati: ecco le misure per la scuola. Azzolina: “Nel testo ulteriori passi avanti”

Next Article

Brexit e Università, perché la Gran Bretagna non vuole più l’Erasmus+

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.