Mense toscane, pranzi scontati

mensa.jpgNei ristoranti universitari della Toscana si spende meno: il Diritto allo Studio Universitario (Dsu) riduce le tariffe di accesso alle mense. Dal primo di settembre nei ristoranti universitari di Firenze, Pisa e Siena il pasto completo costerà € 2,50. Sensibile il risparmio che ottengono gli iscritti dell’Ateneo fiorentino pagando in meno € 0,30, mentre per coloro iscritti a Siena si tratta di un ribasso di € 0,10.
Viene uniformata anche la composizione del vassoio su tutte le mense a gestione diretta della Toscana. A Firenze si conferma la precedente scomposizione del vassoio. Pisa e Siena, rispetto alle precedenti composizioni, aggiungono una portata: la frutta non è più alternativa allo yogurt o dessert, infatti il pasto intero si compone di 1 primo + 1 secondo + 1 contorno + frutta + 1 dessert o yogurt + pane + bevanda, tutto a 2,50 €. Il pasto ridotto invece prevede 1 primo o secondo + 1 contorno + frutta + 1 dessert o yogurt + pane + bevanda e il prezzo è di 1,60 € o 2,00 € a seconda che si opti, rispettivamente per il primo o per il secondo.
Adeguamento delle tariffe e composizione dei vassoi sono uno degli effetti pratici della recente costituzione dell’Azienda Regionale unica della Toscana per il Diritto allo Studio Universitario che oltre ad omogeneizzare il costo della ristorazione, rende ancora più sostenibile economicamente l’accesso degli studenti a questo servizio basilare.
Nei Ristoranti universitari del DSU non si è attenti solo a ridurre il prezzo dei pasti, ma si punta anche alla qualità alimentare differenziando i menù anche con pietanze basate su prodotti biologici e della filiera corta provenienti da Aziende agricole del territorio, piatti senza glutine, oppure offrendo possibilità diverse di consumo al di fuori delle mense stesse attraverso l’attivazione del take-away.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Miur, nuove regole per insegnare

Next Article

Bronchite killer, farmaci in arrivo

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.