Margherita Hack si candida: “Vogliamo l’abrogazione dei Patti Lateranensi”

Schermata 2013-01-23 a 12.10.20

A 90 anni ancora in corsa. Margherita Hack sembra non voglia proprio riposarsi. È notizia di questi giorni, infatti, la sua candidatura come capolista alla Camera, nella circoscrizione Veneto 2, nella lista “Democrazia atea”.

La Hack già in passato aveva fatto parte di movimenti politici, candidandosi prima con il Partito Comunista Italiano e poi con la Federazione della Sinistra. Durante le primarie del Pd si era schierata a favore del leader di Sel, Nichi Vendola, per poi appoggiare Renzi nel ballottaggio finale.

Il nuovo movimento sostenuto dalla Hack ha come obiettivo primario la vocazione di rappresentare gli atei, gli agnostici e tutte le minoranze penalizzate dalla oppressione religiosa in Italia e in Europa.

Al  primo punto del programma si legge: “Vogliamo l’abrogazione dei Patti Lateranensi e di tutte le leggi ad essi collegate, che procurano allo Stato del Vaticano un profitto sotto forma di contributi, finanziamenti, erogazioni di qualunque tipo, comunque denominati, concessi o erogati da parte dello Stato o di altri Enti Pubblici, previa modifica dell’art.7 della Costituzione. Vogliamo l’adozione di leggi sul Testamento Biologico, sull’Eutanasia e sulle Cellule Staminali, scevre da limitazioni etico-religiose”.

Il piccolo movimento politico, però, rischia la ricusazione per la mancanza del numero di firme necessarie.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Caccia on line ad uomini maturi per pagarsi studi e svago

Next Article

La Fiat entra nelle università con borse di studio, car sharing e lectio magistralis

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.