Luigi, 82 anni e 6 lauree: lo studente dei record

Luigi ha 82 anni e non sente il peso del record sulle spalle. Il prossimo 11 Marzo gli toccherà discutere per la sesta volta una tesi di laurea. Avete capito bene: sesta volta. Luigi Milana, a 81 anni, si appresta a laurearsi in Storia del Cristianesimo antico e medievale. E’ la sesta laurea per lui. Dopo Lettere (vecchio ordinamento), Filosofia, Storia moderna e contemporanea, una specializzazione in Scienze storiche e una triennale in Teologia.
Martedì scorso Luigi ha dato il suo ultimo esame, in filosofia buddista. La tesi, per conto suo, sembra già pronta. Il professore di riferimento è Marco Zambon, docente di Storia del cristianesimo antica e medioevale, controrelatore Dario Canzian, Antichità e istituzioni medioevali. Il titolo della tesi è già un programma: “Colombano e la peregrinatio pro Christo nel monachesimo irlandese. 
Luigi lavorava come operai meccanico ai cantieri navali di Venezia: una sera, sua moglie decise che era arrivato il momento di provarci. “Iscriviamoci all’Università” – disse. E così fecero. Da quel giorno è stato un cammino glorioso. Un esame dopo l’altro, un titolo dopo l’altro, tutti con voti eccellenti, senza mai scendere sotto il 106, e rifilando una serie di 110 e lode.
La prima laurea Luigi l’ha ottenuta a 53 anni, quando la pensione era già arrivata. E durante la sua splendida carriera universitaria si è concesso anche una pausa, quando a 73 anni gli hanno proposto un anno come ricercatore. E, per completare il tutto, Luigi si è sempre distinto rispetto ai suoi colleghi molto più giovani, laureandosi prima di loro. Come a dire: l’età, stavolta, non conta.
Raffaele Nappi
 
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di giovedì 19 febbraio

Next Article

#iovoglioinsegnare, tweetmobbing degli studenti

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".