Luigi, 82 anni e 6 lauree: lo studente dei record

Luigi ha 82 anni e non sente il peso del record sulle spalle. Il prossimo 11 Marzo gli toccherà discutere per la sesta volta una tesi di laurea. Avete capito bene: sesta volta. Luigi Milana, a 81 anni, si appresta a laurearsi in Storia del Cristianesimo antico e medievale. E’ la sesta laurea per lui. Dopo Lettere (vecchio ordinamento), Filosofia, Storia moderna e contemporanea, una specializzazione in Scienze storiche e una triennale in Teologia.
Martedì scorso Luigi ha dato il suo ultimo esame, in filosofia buddista. La tesi, per conto suo, sembra già pronta. Il professore di riferimento è Marco Zambon, docente di Storia del cristianesimo antica e medioevale, controrelatore Dario Canzian, Antichità e istituzioni medioevali. Il titolo della tesi è già un programma: “Colombano e la peregrinatio pro Christo nel monachesimo irlandese. 
Luigi lavorava come operai meccanico ai cantieri navali di Venezia: una sera, sua moglie decise che era arrivato il momento di provarci. “Iscriviamoci all’Università” – disse. E così fecero. Da quel giorno è stato un cammino glorioso. Un esame dopo l’altro, un titolo dopo l’altro, tutti con voti eccellenti, senza mai scendere sotto il 106, e rifilando una serie di 110 e lode.
La prima laurea Luigi l’ha ottenuta a 53 anni, quando la pensione era già arrivata. E durante la sua splendida carriera universitaria si è concesso anche una pausa, quando a 73 anni gli hanno proposto un anno come ricercatore. E, per completare il tutto, Luigi si è sempre distinto rispetto ai suoi colleghi molto più giovani, laureandosi prima di loro. Come a dire: l’età, stavolta, non conta.
Raffaele Nappi
 
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di giovedì 19 febbraio

Next Article

#iovoglioinsegnare, tweetmobbing degli studenti

Related Posts
Leggi di più

Studenti Erasmus dormono in stazione a Ferrara, il governo spagnolo critica l’ateneo: “Doveva pensare all’accoglienza”

Non si placano le polemiche sul caso del gruppo di studenti spagnoli costretti a dormire in stazione al gelo perché impossibilitati a trovare un alloggio a Ferrara. Il ministro dell'Università iberico ha criticato l'università emiliana per la mancata accoglienza. L'ateneo però non ci sta: "Non era di nostra competenza".