L'UE celebra il rispetto della libertà dei mezzi d'informazione

Il Parlamento europeo mostra la sua attenzione al rispetto della libertà e del pluralismo dei mezzi d’informazione attraverso un premio per il giornalismo.

Il Parlamento europeo ancora una volta mostra la sua attenzione al rispetto della libertà e del pluralismo dei mezzi d’informazione attraverso un premio per il giornalismo.
L’iniziativa è alla sua seconda edizione e vuole dare un riconoscimento ai giornalisti che promuovono una migliore comprensione delle istituzioni o delle politiche dell’Unione Europea.
Le sezioni che rientrano nel concorso sono: stampa scritta, radio, televisione e internet.
Come si legge dal bando, i contributi ammissibili all’aggiudicazione del Premio del Parlamento europeo per il giornalismo sono:
• articoli o reportage;
• inerenti a importanti questioni di portata europea o intesi a promuovere una migliore comprensione delle istituzioni o delle politiche dell’Unione europea;
• pubblicati o diffusi tra il 1° maggio 2009 e il 31 marzo 2010;
• redatti in una delle lingue ufficiali dell’Unione europea;
• espressi in uno dei mezzi d’informazione figuranti nelle sezioni di cui all’articolo 2, paragrafo 1, e registrato legalmente in uno Stato membro dell’Unione europea;
• che non hanno ricevuto un altro premio prima del termine ultimo per l’accettazione delle proposte;
• che non hanno ancora beneficiato di fondi da parte delle Istituzioni UE
La scadenza per l’invio del materiale è fissata al 31 Marzo 2010.
Per ulteriori informazioni e visionare il bando si può consultare il sito: www.eppj.eu
Giuliano Levato

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Battaglie Culturali

Next Article

Universiadi, l'Aquila si candida

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.