L'UE celebra il rispetto della libertà dei mezzi d'informazione

Il Parlamento europeo mostra la sua attenzione al rispetto della libertà e del pluralismo dei mezzi d’informazione attraverso un premio per il giornalismo.

Il Parlamento europeo ancora una volta mostra la sua attenzione al rispetto della libertà e del pluralismo dei mezzi d’informazione attraverso un premio per il giornalismo.
L’iniziativa è alla sua seconda edizione e vuole dare un riconoscimento ai giornalisti che promuovono una migliore comprensione delle istituzioni o delle politiche dell’Unione Europea.
Le sezioni che rientrano nel concorso sono: stampa scritta, radio, televisione e internet.
Come si legge dal bando, i contributi ammissibili all’aggiudicazione del Premio del Parlamento europeo per il giornalismo sono:
• articoli o reportage;
• inerenti a importanti questioni di portata europea o intesi a promuovere una migliore comprensione delle istituzioni o delle politiche dell’Unione europea;
• pubblicati o diffusi tra il 1° maggio 2009 e il 31 marzo 2010;
• redatti in una delle lingue ufficiali dell’Unione europea;
• espressi in uno dei mezzi d’informazione figuranti nelle sezioni di cui all’articolo 2, paragrafo 1, e registrato legalmente in uno Stato membro dell’Unione europea;
• che non hanno ricevuto un altro premio prima del termine ultimo per l’accettazione delle proposte;
• che non hanno ancora beneficiato di fondi da parte delle Istituzioni UE
La scadenza per l’invio del materiale è fissata al 31 Marzo 2010.
Per ulteriori informazioni e visionare il bando si può consultare il sito: www.eppj.eu
Giuliano Levato

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Battaglie Culturali

Next Article

Universiadi, l'Aquila si candida

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.