Luca Abete in cattedra al Suor Orsola

“Le inchieste giornalistiche come strumento di tutela del cittadino”.

Venerdì 18 novembre il Suor Orsola Benincasa di Napoli ha ospitato Luca Abete, inviato di Striscia la Notizia. Dopo un intervento alla web radio d’ateneo, Abete si è diretto in Sala Villani per l’incontro dibattito “Le inchieste giornalistiche come strumento di tutela del cittadino”.

“La gente si accontenta di chi ascolta perché le istituzioni sono troppo lontane dalle richieste dei cittadini -questo il messaggio lanciato ai giovani presenti del corso di laurea in comunicazione – Quello che facciamo a Striscia non è un programma ma un vero impegno sociale”.

Attraverso le domande del Coordinatore didattico della Scuola di Giornalismo del Suor Orsola Benincasa Alfredo D’Agnese, Luca Abete ha raccontato la sua esperienza: da un programma per bambini concorrente alla Melevisione, al format XanaX di Napolitv, Abete ha sperimentato una palestra che l’ha poi condotto a gran successo.

Martina Gaudino

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Vittoria storica dell'Udu

Next Article

Benvenuto dei giovani di Confindustria a Monti

Related Posts
Leggi di più

Sapienza, Bologna e Padova le tre migliori università italiane secondo la classifica Artu. Nel mondo a guidare è Harvard

Pubblicata la classifica redatta dall'University of New South Wales di Sydney che unisce in un unico indice i tre ranking mondiali più influenti: Quacquarelli Symonds (Qs), Times Higher Education (The) and the Academic Ranking of World Universities (Arwu). La prima italiana, La Sapienza di Roma, si piazza al 155esimo posto, l'ultima (il Politecnico di Torino) al 370esimo.
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.