Liposuzione per la Barbie grassa: ritirate dal commercio le App dello scandalo

liposuzione barbie grassa

Liposuzione per la Barbie grassa: ritirate dal commercio le App dello scandalo – “Bambini, la vostra Barbie è troppo grassa e nessuna dieta la può aiutare? Nessun problema, nella nostra clinica potete curarla con la liposuzione, un paio di tagli nel posto giusto, e la ritroverete di nuovo magra e bellissima” Questo il messaggio con cui la Corinna Games presentava sulla piattaforma iTunes la sua nuova App: “Plastic surgery & plastic doctor & plastic hospital office for Barbie version”.

Ieri la conferma che la discutibile application è stata rimossa in seguito alle numerose lamentele di chi la riteneva diseducativa e sessista. La App, infatti, poteva essere acquistata da bambini dai 9 anni in su. Merito della doverosa rimozione va anche all’associazione ‘Everyday sexism’ che ha promosso su Twitter una campagna contro.

Nel frattempo, però, sul web è comparsa un App  simile a quella della Corinna Games, ma se possibile ancora più esplicita: si chiama “Chirurgia plastica” ed è stata sviluppata da Natalya Staritsyna. Commercializzata da Google Play store, questa non ha limiti di età ed è stata scaricata già da oltre un milione di utenti.

La descrizione di quest’ultima App non lascia spazio ad altre interpretazioni se non ad un’esplicita condanna: “A Barbara piace mangiare un sacco di hamburger e di cioccolata, e si è resa conto di essere diventata brutta. Ora non può resistere in questa situazione un minuto di più. Per fortuna oggi la chirurgia plastica può intervenire sul suo viso e sul suo corpo per farla ritornare bella”.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Esame di maturità: promosso il 99% dei candidati. Ma allora a cosa serve?

Next Article

Cremona e Lucca: stage retribuiti da 700 euro al mese per giovani disoccupati

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".