Lecce – tragedia in un liceo: studente muore precipitando in un pozzo

studente muore lecce
Il pozzo di luce in cui è precipitato Andrea De GAbriele. Fonte CorriereDelMezzogiorno.it

 

Studente muore cadendo in un pozzo – Tragedia in un liceo del leccese. Uno studente di 17 anni, Andrea De Gabriele, è morto dopo esser precipitato in un pozzo di luce che si trova all’interno dell’area adibita alle attività di educazione fisica della succursale del liceo scientifico De Giorgi in via Delle Anime, a Lecce.

Secondo le prime ricostruzioni il ragazzo sarebbe caduto nel vuoto nel tentativo di recuperare la sua giacca lanciata per scherzo da un compagno di scuola al di là della recinzione che delimita il pozzo. Stando alle prime indiscrezioni il ragazzo avrebbe scavalcato l’inferriata arrampicandosi su una sedia, tuttavia il sottile materiale che ricopriva il pozzo di luce, probabilmente un tendone, avrebbe ceduto non appena Andrea vi ha messo piede facendolo precipitare per quasi 10 metri.

Inutile la corsa all’ospedale Vito Fazzi di Lecce: nonostante i tentativi di rianimazione i medici hanno dovuto dichiarare il decesso del giovane. I responsabili dell’Istituto non hanno rilasciato commenti. Nel frattempo le forze dell’ordine stanno raccogliendo le testimonianze di docenti e ragazzi.

Sotto indagine anche la sicurezza del liceo: l‘area in cui il povero Andrea è precipitato, infatti, sembrerebbe essere di proprietà di un esercizio commerciale, un grande magazzino attiguo alla scuola, tuttavia non sembra che ci siano cartelli che segnalino il pericolo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Link: "Basta fondi alle Università telematiche"

Next Article

Ora l'esecutivo deve trovare 40 milioni: taglierà l'offerta formativa delle scuole

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.