Le frontiere di Internet

« Ehi, stiamo vigilando le frontiere dal pub in Australia, ragazzi ! » recita un’email inviata da uno dei più dei 100.000 mila volontari…

« Ehi, stiamo vigilando le frontiere dal pub in Australia, ragazzi ! » recita un’email inviata da uno dei più dei 100.000 mila volontari registrati per controllare la frontiere degli Stati Uniti con il Messico attraverso la rete.  L’iniziativa fa parte di una strategia del governo americano per combattere l’immigrazione illegale e il traffico di droghe alla frontiera messicana.
Chiunque con una connessione ad Internet può trasformarsi in vigilante virtuale dei 2000 km di con confine che separano Messico dagli USA, attraverso le numerose telecamere installate appositamente. Una volta registrati, i volontari passano ore a scrutare movimenti sospetti alla frontiera; le autorità li invitano a inviare email sui movimenti sospetti. Da novembre, mese in cui hanno installato più di 200 telecamere, le email dei volontari hanno portato alla cattura di più di 900 chili di marijuana e 30 casi di “immigranti illegali potenziali”. La maggior parte della corrispondenza di “sospettosi” sensi proviene dal Texas, New Mexico e Arizona.
Quelli che si oppongono al progetto assicurano che il compito delle telecamere nel prevenire attività illegali è minimo.  “La sicurezza di frontiere merita il lavoro di professionisti, non di frequentatori abituali del pub di Perth (località all’ovest dell’Australia), asserisce Eliot Shapleigh, senatore del El Paso, (Texas). Le telecamere situate in suolo privato e in enclavi di trafficanti di droga e immigranti sono costate al governo due milioni di dollari, consuntivo che comprende i costi del mantenimento del web dell’iniziativa  realizzata dalla compagnia  BlueServo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

In Ferrari dopo la laurea

Next Article

Master intelligence in memoria di Cossiga

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).