Le esche alla mortadella hanno funzionato: catturata la volpe di Ingegneria a Bologna

E’ finita dopo 4 giorni la “fuga” della volpe (malata e in condizioni piuttosto critiche) avvistata nel parco della facoltà di Ingegneria a Bologna. L’animale non ha resistito al richiamo della mortadella che era stata posizionata all’interno di alcune trappole messe dalle forze dell’ordine per poterla catturare. Adesso è stata affidata a un centro specialistico per le cure del caso e poi sarà rimessa in libertà.

Ci sono voluti quattro giorni e parecchi bocconi di mortadella ma alla fine l’inafferrabile volpe di Ingegneria è finita in trappola e adesso potrà essere curata in un centro specializzata. Si è conclusa con un “lieto fine” l’avventura della volpe avvistata nel parco adiacente alla facoltà di Ingegneria dell’Università di Bologna. L’animale, bisognoso di cure perché affetto da rogna silvestre, si aggirava ormai da quasi una settimana nel guardino della facoltà, immortalata dagli scatti degli studenti che avevano postato sui social le immagini della volpe e che avevano spinto i vertici amministrativi dell’ateneo a rivolgersi alle forze dell’ordine per catturarla.

Dopo il primo sopralluogo, gli agenti della polizia locale della Città metropolitana di Bologna, in accordo con il Centro recupero fauna selvatica di Monte Adone, hanno infatti deciso di posizionare delle gabbie di cattura con un’esca molto particolare: mortadella.

Grazie alla collaborazione del personale della facoltà e al controllo delle gabbie, la volpe venerdì scorso è stata recuperata. L’esemplare, in condizioni critiche, è stato portato dal veterinario per le prime cure e poi affidato agli operatori del Centro recupero di Monte Adone che appena possibile lo riporteranno nel suo habitat naturale.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tutti contro il Green pass obbligatorio per andare a scuola. E adesso c'è chi propone di prolungare le vacanze di Natale per fermare la variante Omicron

Next Article

Erasmus+, in Campidoglio lanciato il nuovo programma. Messa: "In finanziaria più fondi per mobilità"

Related Posts
Leggi di più

Francia, suicida la star dei social MavaChou: travolta dagli insulti dei fan dopo la separazione dal marito

Maëva Frossard, 32 anni, si è tolta la vita lo scorso 22 dicembre. La procura di Epinal vuole capire se il suo gesto può essere stato una diretta conseguenza degli insulti ricevuti sui social network dove lei aveva costrutito un piccolo impero grazie ai video sulla vita di coppia e consigli per l'acquisto con l'ex marito. La situazione poi è precipitata dopo la loro separazione.