Lavoro, la crisi si combatte con sfinz

La crisi si combatte con la creatività. L’ultima idea arriva da Sfinz, la piattaforma online che permette di collegare gli utenti per ogni tipo di lavoro. Il meccanismo è semplice; ogni iscritto può inserire un annuncio per qualsiasi tipo di lavoro: gli “Sfinzer” risponderanno con la propria offerta personale. La scelta può essere aiutata anche da un meccanismo di feedback relativo alla reputazione di ogni iscritto.

La comunità – che conta più di 7.500 iscritti – per il momento ha messo la sua base solo a Roma, ma in questi giorni si prepara lo sbarco a Milano. Entro il 2013 si punta alla doppia cifra di iscritti.

I lavori chiesti possono rientrare in ogni categoria; dal giardinaggio alla rilegatura tesi, dal trasporto mobili fino al dog sitter.

“È evidente come Sfinz, in un contesto lavorativo-economico particolare come questo, rappresenti uno strumento di utilità sociale – ha dichiarato Maurizio Martinoli, co-fondatore di Sfinz -, un punto di incontro tra domanda e offerta di lavoro generica e specializzata. La nostra speranza è che questa iniziativa possa essere di supporto in questo periodo di crisi e che stimoli un senso di ottimismo e fiducia da cui ripartire”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Casinò Catalogna

Next Article

Roma tre, nell'ex vasca navale, la nuova sede di ingegneria

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.