Laureandi in Var Group siglato accordo con Unipi

accordo1.jpgUna integrazione semplice ed efficiente per aiutare i laureandi a inserirsi nel mondo del lavoro. Ad accogliere studenti universitari, pronti a lasciarsi dietro i libri ed approdare in azienda, sarà una realtà nazionale qual è la Var Group.
La società che integra tecnologie e soluzioni informatiche all’avanguardia, sviluppate in oltre 30 anni di attività a stretto contatto con gli imprenditori, ha infatti siglato un accordo con l’Università di Pisa. Alla base l’idea di mettere a disposizione le proprie strutture per lo svolgimento di tirocini formativi e di orientamento e per l’organizzazione di momenti formativi specifici individuali o collettivi.
Inoltre l’azienda collaborerà all’organizzazione di giornate di studio e di seminari e parteciperà all’individuazione ed elaborazioni di progetti. L’integrazione tra università e mondo del lavoro troverà poi la sua sublimazione nella partecipazione della Var alla formazione degli studenti. I ragazzi saranno, infatti, seguiti già durante il percorso di formazione che procede il titolo di studio.
Anche l’università di Pisa darà il suo contributo all’accordo garantendo la presenza dell’azienda a giornate di orientamento o ad altre iniziative organizzate dall’ateneo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il cinema d’autore rinasce a Campo de' Fiori

Next Article

“Salviamo insieme l’Umberto I”

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.