Laurea honoris causa per Andrea Camilleri: “La letteratura del nostro paese sta assai meglio dell’economia”

andrea camilleri

Laurea honoris causa ad Andrea Camilleri. Il famoso scrittore siciliano, padre dell’ormai celebre personaggio dell’investigatore Montalbano, ha ricevuto ieri il titolo accademico dall’American Univesity of Rome.

Nelle motivazioni che hanno spinto l’Istituto a investire Camilleri del titolo si legge: “per l’acuta critica culturale dell’Italia contemporanea che emerge dai romanzi del commissario Montalbano, uno dei più accattivanti personaggi di tutti i tempi”.

Lo scrittore, poi, ha tenuto una lectio magistralis agli studenti intervenuti sul tema: l’importanza della letteratura d’Oltreoceano durante il fascismo. “Io oggi voglio fare una piccola nota su quella che è stata la letteratura americana durante gli anni del fascismo – ha spiegato Camilleri – Io li ho vissuti e quindi so che cosa ha rappresentato come stimolo: era come prendere una boccata di ossigeno leggere allora i libri di George Steinbeck o di William Faulkner. Era proprio una grandissima boccata di ossigeno che ci faceva sognare la libertà”.

Un’occasione per Camilleri anche per fare il punto del panorama letterario italiano: “La letteratura del nostro paese sta assai meglio dell’economia del nostro paese, in quanto l’economia del nostro paese sembra avere pochi e difficili sviluppi, mentre invece la nostra letteratura credo abbia un gran bel avvenire. Ci sono degli scrittori giovani che promettono assai bene, ma soprattutto ci sono degli autori intorno ai cinquant’anni, dei cinquantenni già affermati, che continuano a mantenere una loro posizione di prestigio, veramente guadagnata, nella nostra letteratura”.

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Concorsi universitari: professore si autodenuncia: "Li trucco da anni"

Next Article

Nasce il manager dei servizi sociosanitari

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".