Laurea honoris causa per Andrea Camilleri: “La letteratura del nostro paese sta assai meglio dell’economia”

andrea camilleri

Laurea honoris causa ad Andrea Camilleri. Il famoso scrittore siciliano, padre dell’ormai celebre personaggio dell’investigatore Montalbano, ha ricevuto ieri il titolo accademico dall’American Univesity of Rome.

Nelle motivazioni che hanno spinto l’Istituto a investire Camilleri del titolo si legge: “per l’acuta critica culturale dell’Italia contemporanea che emerge dai romanzi del commissario Montalbano, uno dei più accattivanti personaggi di tutti i tempi”.

Lo scrittore, poi, ha tenuto una lectio magistralis agli studenti intervenuti sul tema: l’importanza della letteratura d’Oltreoceano durante il fascismo. “Io oggi voglio fare una piccola nota su quella che è stata la letteratura americana durante gli anni del fascismo – ha spiegato Camilleri – Io li ho vissuti e quindi so che cosa ha rappresentato come stimolo: era come prendere una boccata di ossigeno leggere allora i libri di George Steinbeck o di William Faulkner. Era proprio una grandissima boccata di ossigeno che ci faceva sognare la libertà”.

Un’occasione per Camilleri anche per fare il punto del panorama letterario italiano: “La letteratura del nostro paese sta assai meglio dell’economia del nostro paese, in quanto l’economia del nostro paese sembra avere pochi e difficili sviluppi, mentre invece la nostra letteratura credo abbia un gran bel avvenire. Ci sono degli scrittori giovani che promettono assai bene, ma soprattutto ci sono degli autori intorno ai cinquant’anni, dei cinquantenni già affermati, che continuano a mantenere una loro posizione di prestigio, veramente guadagnata, nella nostra letteratura”.

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Concorsi universitari: professore si autodenuncia: "Li trucco da anni"

Next Article

Nasce il manager dei servizi sociosanitari

Related Posts
Leggi di più

Francia, suicida la star dei social MavaChou: travolta dagli insulti dei fan dopo la separazione dal marito

Maëva Frossard, 32 anni, si è tolta la vita lo scorso 22 dicembre. La procura di Epinal vuole capire se il suo gesto può essere stato una diretta conseguenza degli insulti ricevuti sui social network dove lei aveva costrutito un piccolo impero grazie ai video sulla vita di coppia e consigli per l'acquisto con l'ex marito. La situazione poi è precipitata dopo la loro separazione.