Laurea honoris causa a Paola Marini

L’università di Verona conferirà la laurea magistrale honoris causa in Discipline artistiche a Paola Marini, direttrice delle Gallerie dell’Accademia di Venezia.
La cerimonia sarà il 10 febbraio alle 17 nell’aula magna del Polo Zanotto (viale dell’Università 4), con laudatio a cura di Bernard Jan Hendrik Aikema, professore ordinario di Storia dell’arte moderna. La Marini, nella sua lectio magistralis, parlerà di «Museo e Società».
La dottoressa Marini, nata a Verona, ha alle spalle una carriera di grande prestigio. È autrice di decine di pubblicazioni, tra le quali l’edizione critica dei «Quattro Libri dell’Architettura» di Andrea Palladio, con Licisco Magagnato, e ha curato a Verona importanti mostre, Jacopo Bassano, Pisanello, Corot, Carlo Scarpa, Mantegna, il Settecento a Verona e Paolo Veronese. Poco prima di approdare a Venezia, per lei il dolore del furto dei 17 quadri a Castelvecchio, nel novembre 2015, ritornati questo Natale dall’Ucraina dove erano stati ritrovati.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di martedì 7 febbraio

Next Article

La rassegna stampa di mercoledì 8 febbraio

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.