L’annuncio del ministro: “La Storia dell’Arte sarà reintrodotta in tutte le scuole d’Italia”

storia dell'arte

“La storia dell’arte sarà reintrodotta nelle scuole italiane”. Ad annunciarlo è il ministro Stefania Giannini, che ha parlato questa mattina durante gli Stati Generali della Cultura, tenuti a Roma.

Dopo polemiche, smentite da parte del ministero e commenti di professori, studenti e presidi, quindi, si fa finalmente chiarezza sulla materia tanto discussa: “La Storia dell’Arte deve tornare ad essere una materia strutturale all’interno dei percorsi di studio nelle scuole italiane. Con 25 milioni di euro l’anno di budget per la Storia dell’Arte possiamo restituire una congiunzione naturale e strutturale tra prodotto e processo” – ha detto il ministro Giannini. “Il piano è già pronto e le ore si svilupperanno in base alle varie classi”.

“L’alternanza scuola lavoro, in un Paese come il nostro, deve essere diffusa nel migliore dei modi – ha continuato il Ministro. Non possiamo più dire ai nostri studenti che il settore umanistico è un hobby. Dobbiamo costruire percorsi regolari e continui. La Facoltà di Beni Culturali, che 15 anni fa sembrava essere davvero un laboratorio di talenti, ora sembra essere diventata una fabbrica di disoccupati, purtroppo. Dobbiamo rilanciare il settore, dopo una politica di tagli”.

 

 LEGGI ANCHE

L’intervista: “Storia dell’Arte non è stata cancellata”

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stefania Giannini: "Dobbiamo dire ai nostri giovani che le facoltà umanistiche non sono un hobby"

Next Article

Il ministro Franceschini annuncia la rivoluzione nei musei: i giovani entrano gratis

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident