L’Alma Mater applica lo statuto. Le 11 facoltà diventano Scuole

Il CdA dell’Università di Bologna, con 19 voti a favore e 3 contrari (solo due gli astenuti) ha dato il via libera all’applicazione del nuovo statuto con la costituzione delle 11 scuole che sostituiscono le 11 facoltà dell’ateneo.

uniboIl Consiglio di Amministrazione dell’Università di Bologna, con 19 voti a favore e 3 contrari (solo due gli astenuti) ha dato il via libera all’applicazione del nuovo statuto con la costituzione delle 11 scuole che sostituiscono le 11 facoltà dell’ateneo. Queste nuove strutture saranno organismi di raccordo dei dipartimenti per la gestione delle attività didattiche e dei servizi.

Le 11 scuole. Dal prossimo anno accademico le scuole saranno: agraria e medicina veterinaria; economia, management e statistica; farmacia, biotecnologie e scienze motorie, giurisprudenza; ingegneria e architettura; lettere e beni culturali, lingue e letterature, traduzione e interpretazione; medicina e chirurgia, psicologia e scienze della formazione; scienze; scienze politiche.

Definite anche le sedi di vicepresidenza delle scuole in corrispondenza delle precedenti sedi di facoltà e nelle sedi caratterizzate dalla presenza di un numero rilevante di docenti e studenti.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Curriculum, ma quanto mi costi?

Next Article

La Settimana della Cultura a Napoli

Related Posts
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".