La Sapienza chiede la liberazione di Ahmadreza Djalali

La Sapienza chiede la liberazione di Ahmadreza Djalali, il ricercatore arrestato 5 anni fa in Iran e condannato a morte per spionaggio.

L’università La Sapienza di Roma si è unita all’appello della rete Scholars at Risk – SAR per la liberazione di Ahmadreza Djalali, il ricercatore iraniano-svedese arrestato cinque anni fa in Iran e condannato a morte con l’accusa di spionaggio.

L’appello è stato lanciato oggi dal presidente del Karolinska Institutet di Stoccolma, Ole Petter Ottersen, insieme Gian Carlo Avanzi, rettore dell’Università del Piemonte Orientale di Vercelli e Caroline Pauwels, rettrice della Vrije Universiteit Brussel.  In tutti e tre gli atenei, Ahmadreza Djalali aveva svolto la sua attività di ricerca prima della sua detenzione in Iran. “Abbiamo avuto il privilegio di avere il dottor Djalali come collega – scrivono i tre rettori – e ora chiediamo ancora una volta pubblicamente il suo immediato rilascio”.

Scholars at Risk chiede alle autorità iraniane di sospendere la sentenza capitale emessa contro il Ahmadreza Djalali e di rilasciarlo perché riceva le cure mediche di cui ha urgente bisogno. Djalali, infatti, ha perso molto peso durante la prigionia e rischia di morire dietro le sbarre.

Le autorità lo hanno arrestato mentre visitava l’Iran nell’aprile del 2016,  per partecipare a una serie di workshop ospitati dalle università di Teheran. L’accusa è di “collaborazione con governi ostili”. Da allora è detenuto nella prigione di Evin e periodicamente in isolamento. Un anno dopo, il 21 ottobre 2017, Djalali è stato condannato a morte.

La condanna è stata ripetutamente rimandata, ma il prolungato isolamento ha deteriorato la sua salute. Sottoposto a luci accese 24 ore su 24, 7 giorni su 7, ha infatti perso almeno 12 Kg per la privazione del sonno. Intanto, le autorità hanno negato l’accesso sia al suo avvocato che alla sua famiglia

Total
96
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dal CNR una speranza contro il tumore al polmone: gruppo di ricerca internazionale studia un nuovo farmaco

Next Article

La tragica morte di un 18enne: malore nella pausa in Dad. Adesso indagano i carabinieri

Related Posts