La ricerca: mangiare cioccolato previene il diabete

mangiare cioccolato

Mangiare cioccolato fa bene al diabete. Una buona notizia per tutti i golosi sommersi da sensi di colpa ogni volta addentano una buona stecca di cioccolata: due distinte ricerche di Università inglesi, infatti, hanno confermato che mangiare i prodotti derivati dal cacao aiuta a rafforzarsi contro l’insorgenza del diabete.

Stravolti i luoghi comuni che volevano proprio la cioccolata tra gli alimento da evitare per mantenere una salute a prova di diabete e colesterolo. I ricercatori della University of East Anglia Medical School e quelli del King’s College di Londra, sottolineano come dato l’alto tasso di flavonoidi contenuti nel cioccolato può ridurre sensibilmente il rischio di contrarre il diabete di tipo 2.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Nutrition e ha coinvolto un campione di oltre duemila donne a cui è stata monitorata l’insulino-resistenza a confronto con le abitudini alimentari. Oltre alla cioccolata, secondo la ricerca, altri alimenti come frutti di bosco, the, uva rossa, prezzemolo, timo e sedano sono capaci di diminuire il rischio di contrarre la malattia proprio perché ricchi di flavonoidi.

Addio ai rimorsi della coscienza allora: il cioccolato da oggi non è più solo buono, ma è persino salutare.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Roma Tre, arriva la sfida del Global Game Jam: costruire un videogioco in 48 ore

Next Article

Studenti e laureati: opportunità di stage retribuiti alla NATO

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".