La rassegna stampa di venerdì 11 settembre

Scuola, Università Ricerca: le notizie della giornata, selezionate per voi dalla redazione di CorriereUniv.
La Stampa – La corsa dei prof alle cattedre Finora solo 16 no all’assunzione – A partire da stanotte ci saranno 8 mila nuovi docenti di ruolo nelle scuole italiane. Intanto, solo 16 insegnanti hanno rifiutato il posto; un numero esiguo a fronte delle richieste complessive, ma anche considerando il polverone di polemiche che la necessità di mobilità connessa con il piano di assunzione del Governo aveva suscitato nel corpo docente italiano.
Corriere della Sera – Roma, Scattone rinuncia alla cattedra – Troppe pressioni, sia mediatiche, sia dal mondo della scuola. Così Scattone, docente neoassunto grazie alla Buona Scuola, ma con un passato da assassino nel caso di Marta Russo, ha scelto di rinunciare alla cattedra: “La mia coscienza, comunque, è a posto”.
Il Sole 24 Ore – Senza preside un istituto su 6 – Tempo di riaprire le scuole, ma a fronte dell’aumento del corpo insegnante, anche quest’anno registra un forte deficit per quel che riguarda i dirigenti scolastici. L’unica soluzione possibile, al momento, è quella degli incarichi multipli, con l’inevitabile difficoltà che comporta la gestione di più scuole affidate ad una sola persona.
Corriere della Sera – Uno studente su quattro fa uso di cannabis – La relazione annuale sul consumo di stupefacenti in Italia presentata al Parlamento mostra quanto le droghe considerate leggere siano largamente diffuse tra i giovanissimi e persino negli ambienti scolastici.
La Repubblica – Ecco l’Homo Naledi, un nuovo antenato scoperto in Sudafrica – Straordinaria scoperta nella Repubblica sudafricana: un team di antropologi e archeologi ha rinvenuto lo scheletro di un antenato della specie umana: “Camminava eretto e sapeva arrampicarsi”. Ora la storia dell’evoluzione ha un tassello in più.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Alexi Lalas, ex calciatore si laurea dopo 26 anni: "L'impresa più difficile della mia vita"

Next Article

Scuola, si riparte. Il ministro: "Ragazzi, siate protagonisti"

Related Posts
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.
Leggi di più

Mai avvolgerla nella plastica o tenerla in tasca: ecco i consigli degli esperti per l’utilizzo della Ffp2: “Se non riceve umidità può durare fino a 40 ore”

Obbligatoria per viaggiare sui mezzi di trasporto e necessaria anche per seguire le lezioni in classe o andare al cinema: la mascherina Ffp2 è uno strumento con il quale stiamo familiarizzando sempre di più in queste settimane. Conservarla correttamente è indispensabile per poterla utilizzare per più di un giorno. "Mai indossarla sopra a una chirurgica".