La rassegna stampa di venerdì 06 maggio

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
Avvenire – Napoli, Governo in campo contro la camorra. Giannini: scuole aperte – L’intervista al ministro dell’Istruzione dopo i fatti di Caivano: “Scuole come baluardo di legalità. Le mafie si combattono tramite cultura e istruzione”.
Il Sole 24 Ore – Sud, è fuga di giovani: in 10 anni persi 3,3 miliardi di capitale umano – Un esodo che ha un enorme impatto dal punto di vista economico: la dispora dei giovani dal Mezzogiorno costa oltre 3 miliardi di euro.
Il manifesto – Bologna non gradisce, la polizia carica. Salvini accolto bene solo dal Rettore – Giornata di scontri, ieri, a Bologna, dove Matteo Salvini era atteso presso l’Università Alma Mater per un incontro con il Rettore. Alle contestazioni degli attivisti, la polizia ha risposto con alcune cariche. La manifestazione anti leader Lega Nord si è conclusa nelle librerie Feltrinelli di Bologna, dove i contestatori hanno distrutto le copie dell’autobiografia di Salvini.
Il Mattino – L’azalea della ricerca per la lotta al cancro – L’8 maggio, in occasione della festa della mamma, torna nelle piazze l’azalea della ricerca: l’iniziativa per raccogliere fondi destinati alla ricerca sul cancro.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Torna "Io leggo perché": scuole, aziende, editori e librai pronti a tutto per promuovere la lettura

Next Article

Università gratis con ISEE fino a 15 mila euro: la proposta al vaglio del Governo

Related Posts
Leggi di più

Picchiavano i compagni di classe e postavano i video su Telegram: sei bulli finiscono in manette. “Violenze anche davanti ai professori”

Indagine dei carabinieri in provincia di Milano che ha portato all'arresto di sei studenti di un'istituto superiore accusati di violenze e maltrattamenti nei confronti dei loro compagni di classe. I video delle violenze venivano postate sulle chat di Telegram dove in pochi giorni hanno raggiunto le 100mila visualizzazioni. I pestaggi avvenivano addirittura in aula sotto gli occhi dei docenti.