La rassegna stampa di venerdì 03 giugno

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
Corriere della Sera – Corriere della Sera – L’università? Serve a liberarvi l’anima – Quale dovrebbe essere la funzione dell’Università? E con quali obiettivi i giovani dovrebbero scegliere i corsi?
Il Venerdì di Repubblica – Il Laboratorio indiano del dottor Frankenstein – L’hanno chiamato progetto ReAnima, ma forse era più appropriato chiamarlo progetto Frankestein: riattivare il cervello di persone morte. Nell’ospedale di Rudrapur due società biotech americane sperimentano un coctkail  di peptidi, staminali e laser su pazienti in morte cerebrale.
Oggi – Dal Miur 5 milioni per la realizzazione di biblioteche – Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha pubblicato l’avviso pubblico per la realizzazione da parte delle istituzioni scolastiche ed educative statali di biblioteche scolastiche innovative.
Il Secolo XIX – No Talk Show ma più idee e progetti. Le richieste della generazione social –  Non è vero che ai più giovani non interessa la politica, tutt’altro. Non sopportano gli strilli dei salotti televisivi. Al via #Tivotose  esperimento tra politica e social network, iniziato lo scorso aprile con un bando a chi si ritroverà a votare per la prima volta il sindaco.
La Stampa – Cogito il robot poliziotto che smaschera i terroristi – Prodotto da un’azienda israeliana, Cogito ha il 95% di infallibilità ed è già utilizzato in molti paesi
 
 
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La Maturità dei Vip – Ilaria D’Amico – “Non dimenticherò mai quel 3”

Next Article

La rassegna stampa di lunedì 06 giugno

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".