La rassegna stampa di martedì 3 marzo

La riforma della scuola è al centro delle pagine dei quotidiani. Oggi in consiglio dei Ministri è previsto l’incontro decisivo per il via libera finale. Ma è già fuga di indiscrezioni: il Corriere della Sera parla di un possibile ritiro del decreto, passando per la via del disegno di legge. Si allargherebbero così i tempi per la riforma. la Repubblica riporta invece il commento di Stefania Giannini, titolare dell’Istruzione, che si dice “basita”. A rischio ci sarebbero anche le assunzioni dei 150.000 precari della scuola.
Il Manifesto si concentra sulla questione dei fondi alle scuole private: “Bonus fiscale e 5 per mille, pronto il regalo alle paritarie” – si legge nel titolo.
Il Resto del Carlino parla invece dell’idea di studiare i testi delle canzoni a scuola lanciata dal ministro Franceschini durante la visita a Bologna alla casa di Lucio Dalla.
Ma ancora il prof dell’anno, le 150.000 assunzioni grazie al Jobs Act, un articolo del Pais sullo studio della religione in classe, il concorso di bellezza riservato alle studentesse universitarie e la scoperta del “nascondiglio del virus dell’AIDS” da parte dei ricercatori italiani.
Leggi e scarica la rassegna stampa di oggi rassegna stampa 3 marzo
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

YIF REPORTER: PICCOLI GIORNALISTI A RIMINI

Next Article

TUTTE LE GAFFE DEI NOSTRI GIOVANI REPORTER

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.