La rassegna stampa di martedì 06 ottobre

Stack of newspaper on blue background close up

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
Italia Oggi – Alternanza, arriva il registro delle imprese – Si tratterà di un elenco da cui scuole e studenti potranno attingere per attivare i percorsi di alternanza previsti come obbligatori dalla riforma dell’istruzione superiore. Le aziende iscritte dovranno rispondere a determinati requisiti e garantire la formazione dei ragazzi.
La Stampa – Il profilo del docente italiano? Donna e over 50 – Lo dicono gli ultimi dati Eurostat che hanno monitorato il nostro paese. Dalle indagini risulta un mondo dell’istruzione in cui la componente rosa risulta decisamente predominante.
La Repubblica – Se la scuola volta le spalle alla filosofia – In Spagna, l’ultima riforma rende l’insegnamento della filosofia facoltativo. Una delle discipline più antiche del sistema di formazione occidentale rischia di sparire dalle scuole di tutta Europa.
Il Mattino – “Medicina, così sono arrivato primo al test” – Parla Daniele Faccenda, il diciottenne che ha totalizzato il punteggio più alto durante i test d’ingresso a Medicina 2015.
La Repubblica – Il Nobel agli scienziati dei poveri: “Hanno salvato 3 miliardi di persone” – Il Nobel per la medicina 2015 premia tre ricercatori che hanno dedicato i loro studi a combattere malattie parassitarie e la malaria.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nuovo Isee, studenti lanciano l'SOS. A rischio migliaia di borse e sussidi

Next Article

Test medicina 2015/2016, pubblicata la graduatoria nazionale. Aggiornamenti su scadenze e scorrimenti

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".